rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Economia Peschici

Porta Di Basso di Peschici è un ristorante stellato. Domenico Cilenti è nella guida Michelin: "Grazie, ora possiamo gridarlo a tutti"

Porta Di Basso, ristorante di Peschici dello chef-titolare Domenico Cilenti, entra nella guida Michelin 2022

Entusiamo alle stelle in casa Porta Di Basso. E' di oggi 23 novembre la notizia che il ristorante Porta di Basso di viale Colombo a Peschici, è entrato nella prestigiosa guida Michelin. Da questo momento è infatti tra i 378 ristoranti stellati d'Italia. Il locale del Gargano - dove è possibile mangiare a picco sul mare -  insieme a 'Primo Restaurant' di Lecce, porta a undici il numero dei ristoranti pugliesi premiati con una stella. "Siamo diventati stellari. Ora possiamo gridarlo a tutti. E soprattutto grazie ad ogni singola persona che abbia contribuito a realizzare questo sogno". Per Domenico Cilenti, chef-titolare di Porta Di Basso, si tratta di un riconoscimento meritato, che arriva a pochi giorni da un gravissimo atto intimidatorio nei suoi confronti.

La nuova edizione della guida giunta alla sua 67esima edizione, è stata presentata oggi. La cerimonia ha visto l’assegnazione di 36 nuove stelle a 35 ristoranti, con l’entusiasmante exploit del ristorante Tre Olivi di Paestum, passato da zero a due stelle Michelin Tra le 35 novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento, in quattordici regioni della penisola, la Campania si è distinta sia per il numero di riconoscimenti complessivi (8 nuove stelle), che per la presenza dei due nuovi ristoranti due stelle Michelin, inseriti nella selezione italiana 2022. Nella nuova guida figurano dunque due new entry (2 stelle)  e 33 novità , novità per un totale di 378 ristoranti stellati. Confermati tutti gli 11 con tre stelle. A 17 ristoranti è stata assegnata anche la stella verde, trenta in tutta Italia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Di Basso di Peschici è un ristorante stellato. Domenico Cilenti è nella guida Michelin: "Grazie, ora possiamo gridarlo a tutti"

FoggiaToday è in caricamento