Agricoltura solidale, è tempo di ‘Pomovero’: torna la passata pugliese libera dal giogo del caporalato

Nata dal progetto ‘Kilometro Vero’, finanziato dalla Regione Puglia, questa esperienza di passata collettiva è al suo quarto anno: la produzione 2020 arriverà a toccare le 20.000 bottiglie

La passata solidale

E' di nuovo tempo di ‘Pomovero’, la passata di pomodoro solidale, sostenibile e libera dal caporalato realizzata e distribuita da una rete di associazioni del Foggiano (con la cooperativa sociale ‘Pietra di Scarto’ di Cerignola) e del Barese.

Nata dal progetto ‘Kilometro Vero’, finanziato dalla Regione Puglia, questa esperienza di passata collettiva è al suo quarto anno, con una produzione che in questa nuova stagione arriverà a toccare le 20.000 bottiglie, a sottolineare il grande successo ottenuto. Recupero dei beni confiscati alla mafia, lotta allo spreco, contrasto allo sfruttamento lavorativo, agricoltura biologica e sociale, inserimento lavorativo di persone in situazione di fragilità sono gli ingredienti fondamentali di questo prodotto che, nel tempo, ha saputo raccontare al territorio un modo differente di coltivare il pomodoro.

A partire da oggi sarà possibile prenotare direttamente la propria passata visitando il sito www.pomovero.it. "Anche quest'anno, attraverso la coltivazione delle nostre piantine, vogliamo evidenziare come l'agricoltura sociale e sostenibile possa essere una risposta a problematiche che ormai rappresentano tragicamente una tipicità dei nostri territori, come lo sfruttamento dei lavoratori e dell'ambiente", affermano gli organizzatori.

"Da anni, con l'inizio dell'estate, ci ritroviamo a sentir parlare di emergenza caporalato, di ghetti,di morti a causa della fatica o per mano dei propri aguzzini. Con l'introduzione della legge 199 si è fatto un passo avanti importante, ma il mercato continua a 'stritolare' i produttori con prezzi da fame; e questi a loro volta si appoggiano al sistema dei caporali per recuperare economie a danno di chi - sfruttato - si troverà con qualche euro alla finedi una giornata di lavoro massacrante durata tra le 10 e le 12 ore. Tutto questo non è accettabile!", continuano. 

"Acquistando Pomovero si sostiene una filiera autodeterminata che parla direttamente ai consumatori ed evidenzia la necessità di ripensare l'agricoltura, allontanandosi dal margine a tutti i costi a discapito di qualcuno e mettendo al centro l'ambiente e le persone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento