Pitpop.it: il sito e-commerce di Antonella Tolve, digital artist di Lucera

Le principali novità: “Download your art” e “Shop your Pit-Pop”. Antonella Tolve è una graphic designer nata a Lucera, laureata in Belle Arti alla Accademia di Foggia

Logo Pit-Pop

È online “pitpop.it”, vetrina virtuale e allo stesso tempo gallery della digital artist Antonella Tolve. Il sito raccoglie le più importanti  informazioni sull’attività dell'artista e le collezioni eseguite nel corso della sua carriera: da Everyday Life del 2006 a My Jack Daniel’s del 2012 passando per Black’n’White del 2008, Babies del 2009 e tante altre.

Tutte le opere delle diverse collezioni Pit-Pop, caratterizzate da linee minimal, contorni neri e netti, colore forte e ironia, sono sfogliabili ma anche acquistabili online. Sì, perché la vera novità del sito è costituita da due sezioni: Download your art e Shop your Pit-Pop.

Download your art, innovativo esperimento che coniuga tecnologia e arte, permette di scaricare dal sito le opere Pit-Pop a soli 2,99 euro. Il cliente/user può sfogliare il catalogo, scegliere l’opera che preferisce e scaricarla. “Download your art è una performance elettronica”, sostiene l’artista Antonella Tolve, “è un’operazione neopop che reinterpreta e contestualizza il senso della Pop Art con l’obiettivo di creare prodotti artistici per tutti e di tutti. Per restituire alla società infinite opere d’arte genial-popolari”.

Ed infatti le opere Pit-Pop scaricate attraverso “Download your art” possono essere usate in maniera personale (non commerciale o a scopo di lucro) per diverse finalità: realizzare piccole stampe per arredare la casa, l’ufficio, lo showroom; personalizzare oggetti e/o gadget; realizzare cartoline o biglietti d’auguri digitali.

L’altra sezione, Shop your Pit-Pop, è il canale di vendita elettronico, l’e-commerce, che permette di creare e acquistare elementi decorativi unici. “Questo perché”, spiega Rino Schinco, responsabile commerciale Pit-Pop e compagno di vita di Antonella Tolve, “abbiamo scelto di non avere agenti che ci rappresentino sul territorio nazionale ma diamo a tutti la possibilità di conoscere il progetto e acquistare online”.

L’operazione è semplice: si sceglie il prodotto da acquistare (tele, digital writings, tappeti, piatti, cuscini), si seleziona l’opera con cui personalizzarlo (sfogliando il catalogo online), si specificano le opzioni (formato e materiale) e con un click si conferma l’acquisto. Tutti i prodotti sono 100% made in Italy, garantiti e certificati secondo le direttive UE.  “Le combinazioni possibili sono infinite”, spiega Antonella Tolve “per questo sul sito non ci sono proposte di prodotti ma ambientazioni, che sono solo indicative di un numero illimitato di personalizzazioni”.

A conferma di questo c’è la sezione Ad hoc, dove è possibile scegliere di realizzare progetti su misura, personalizzati sia nei soggetti che nei formati, per la decorazione d’interni, di spazi pubblici e attività commerciali, per situazioni ed eventi particolari. La pop art digitale si coniuga perfettamente con l’interior design: le opere d’arte Pit-Pop si trasformano in elementi decorativi protagonisti dell’abitare e del vivere quotidiano.

Pitpop.it contiene anche una sezione blog attraverso cui è possibile essere sempre aggiornati su novità ed eventi legati all’arte e al design. Il sito è arricchito da un’area social (Feed RSS, Facebook, Twitter, Pinterest, YouTube) che permette di condividere i contenuti sui diversi social network. Non vi resta che scoprire il mondo Pit-Pop su www.pitpop.it!

Antonella Tolve, digital artist

Graphic designer nata a Lucera nel 1975, dopo gli studi classici si laurea in Belle Arti presso l’Accademia di Foggia. Nonostante il forte interesse per la pubblicità, non abbandona mai la sua passione per l’arte. Partendo così dalla modalità elettronica di elaborazione del lavoro, sviluppa una personale ricerca artistica capace di trovare una nitida inquadratura nella voluta sovrapposizione tra arte ed informatica.

Il suo lavoro è senz’altro influenzato dalle produzioni artistiche digitali degli anni ’80 e ’90, dall’industria videoludica, che ha portato alla formazione di artisti non più inclini ad accettare le restrizioni imposte da tele e pennelli ma volti ad un’esplorazione globale della creatività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento