Giovedì, 21 Ottobre 2021
Economia

Arrivano 30 milioni per Borgo Croci e il 'Mosaico di San Severo': un mese per dire sì e meno di 5 anni per spenderli

Sono due i progetti PinQua approvati in provincia di Foggia. Entro 30 giorni dalla pubblicazione del decreto, gli enti dovranno confermare la volontà di aderire al programma, altrimenti si provvederà a scorrere la graduatoria

Sono stati assegnati con il decreto firmato il 7 ottobre dal ministro delle Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, i fondi per l'attuazione del PinQua, il Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare. Si tratta di 2,8 miliardi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e circa 20 milioni derivanti da residui 2019 e 2020.

Dei 271 progetti ammessi a finanziamento secondo la graduatoria stilata a luglio, sono 159 le proposte di rigenerazione urbana e di edilizia residenziale pubblica approvate. In provincia di Foggia arriveranno 30 milioni di euro. Sono due gli interventi finanziati con 15 milioni di euro ciascuno: quello del Comune di Foggia per la riqualificazione di Borgo Croci, che ha ricevuto il secondo punteggio più alto in Italia (era decimo nella graduatoria dell'Alta Commissione), e il progetto 'Il Mosaico di San Severo - Qualità dell'abitare tra città e campagna' dei Comuni di San Severo e Torremaggiore, redatto in collaborazione con l'Arca Capitanata e presentato dalla Regione Puglia. In tutta la regione sono 21 i progetti approvati. 

Si accorciano i tempi rispetto a quelli inizialmente previsti, considerata la scadenza più ravvicinata rispetto a quella stabilita originariamente per la realizzazione degli interventi, ora fissata al 31 marzo 2026, in linea con i tempi di realizzazione delle opere del Pnrr. Per questo, gli enti beneficiari dovranno trasmettere al Ministero, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del decreto, il cronoprogramma dei singoli progetti rimodulato sulla nuova scadenza per confermare la volontà di aderire al programma. In caso contrario, si provvederà allo scorrimento della graduatoria. 

Il ministero aveva inserito il progetto di riqualificazione del quartiere Borgo Croci nella selezione dei 'progetti meritevoli'. A redigerlo è stata una società di ingegneria di Alberobello, la Finepro srl, che ha rimaneggiato e attualizzato il Piano esecutivo Urbanistico Pirp Ambito A e la strategia integrata di sviluppo urbano sostenibile 'Il Borgo reale, il Borgo Possibile'.

"La base su cui si fonda l’intervento di rigenerazione urbana - spiega la società a proposito del progetto - è lo sradicamento dell’illegalità e il superamento dell’emergenza abitativa, dovuta al sovraffollamento del quartiere, all’emarginazione e alla delinquenza diffusa. La mission del progetto è, quindi, quella di trasformare l’odierno borgo delle baracche in un borgo di qualità, dotato di servizi, spazi di relazione, aree verdi ed impreziosito dal recupero delle tracce dei Tratturi della transumanza. Gli interventi previsti, nel concreto, puntano alla sostituzione, all’implementazione e al recupero di baracche e infrastrutture per innalzare i livelli di qualità dell’abitare e così creare un mix di residenze, spazi collettivi, servizi di prima necessità in grado di rendere più vivibile il quartiere e spezzare la monofunzionalità attuale".

Nell'ambito del progetto ‘Il mosaico di San Severo - Qualità dell'abitare tra città e campagna’ dei Comuni di San Severo e Torremaggiore, invece, 11 milioni andranno al Comune di San Severo per la costruzione di 20 nuovi alloggi e la demolizione e ricostruzione di 256 vecchie abitazioni, e gli altri 4 milioni saranno destinati alla realizzazione di 10 nuove case a Torremaggiore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano 30 milioni per Borgo Croci e il 'Mosaico di San Severo': un mese per dire sì e meno di 5 anni per spenderli

FoggiaToday è in caricamento