Contributi regionali. Lonigro: "Riammettere domande Incoronata e Immacolata”

Il consigliere regionale e presidente della commissione Bilancio, Pino Lonigro, chiede l'ammissione ai contributi delle domande dei due enti religiosi. "Sono ubicati a 10 km e storicamente isolati da Foggia"

“Perché non riammettere sia il Santuario dell’Incoronata che la Parrocchia B.V.M. Immacolata di Fatima, alla procedura di selezione degli interventi previsti dall’avviso pubblico di cui alla DGR n. 852, per l’ampliamento degli oratori parrocchiali, l’adeguamento alle norme di sicurezza e l’eliminazione delle barriere architettoniche?” È quanto richiesto dal presidente della prima commissione Bilancio, Pino Lonigro, in un’interrogazione presentata all’assessore ai Lavori Pubblici, Giovanni Giannini. Con determina n. 1224 pubblicata sul BURP il 29 gennaio 2015, le domande di entrambi gli enti religiosi non sono state ammesse, con la motivazione che i luoghi di culto sono ubicati su suolo appartenente ad un comune superiore ai 15 mila abitanti.

Osserva Lonigro: “L’avviso pubblico in questione è stato emanato ai sensi dell’art. 21 della legge regionale n. 45 del 28 dicembre 2012, il quale effettivamente prevede solo a favore delle parrocchie presenti nei comuni con meno di quindicimila abitanti, dei contributi per l’adeguamento alle norme di sicurezza, l’eliminazione delle barriere architettoniche e gli ampliamenti degli oratori. Nella fattispecie però sia il santuario dell’Incoronata che la Parrocchia B.V.M. sono ubicati ad oltre 10 km da Foggia e sono completamente e storicamente isolati dal capoluogo. Entrambi svolgono un’azione meritevole, di aggregazione e di accoglienza sia per i cittadini residenti nelle borgate dell’Incoronata e di Segezia che per i tanti extracomunitari che risiedono in quei territori, inoltre il Santuario dell’Incoronata viene visitato da circa un milione e mezzo di pellegrini, provenienti tanto dalla Capitanata che dalla Puglia intera e dalle regioni limitrofe. È un punto di riferimento della vocazione religiosa Mariana e per questo  è dovere di tutti preservarlo e tutelarlo”.

Per questo, conclude il consigliere regionale foggiano, “ho richiesto all’assessore di riammettere alla selezione entrambe le domande poiché certe realtà che svolgono azioni sociali importanti su territori isolati e privi di altri luoghi di aggregazione, vengano aiutate a portare avanti la loro azione, fornendo i necessari contributi per l’adeguamento alle norme e l’ampliamento delle strutture esistenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento