rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Economia

I rettori d'Italia puntano sul 'Magnifico' dell'Uni Fg: a Pierpaolo Limone la prestigiosa nomina in Crui

L'’importante incarico è stato conferito ieri a Roma durante la riunione della Crui

La conferenza dei rettori italiani ha attribuito al Rettore Pierpaolo Limone le deleghe nazionali per l’orientamento, la formazione degli insegnanti, gli Its e il life long learning. L’importante incarico è stato conferito ieri a Roma durante la riunione della Crui. “In questa stagione di profonda trasformazione del mondo della formazione sarà essenziale costruire un ponte virtuoso tra gli atenei, il sistema scolastico e quello della formazione professionale” ha commentato il prof. Pierpaolo Limone fresco di nomina.

“La conferenza dei rettori svolge un ruolo di raccordo e coordinamento che è ancora più importante nel contesto degli obiettivi ambiziosi previsti dal Pnrr. Nei prossimi quattro anni si dovrà mettere mano a diverse riforme strutturali del sistema di reclutamento e formazione degli insegnanti, dell’orientamento e della formazione professionale. Per sostenere queste trasformazioni sono disponibili ingenti risorse che vanno spese con rigore, rapidamente e soprattutto con la giusta visione d’insieme per non ritrovarci nel 2026 con gli stessi problemi di oggi.

Cercherò di dare il mio contributo con l’obiettivo di facilitare il dialogo tra gli atenei per progettare interventi di sistema che beneficino dell’esperienza e delle buone pratiche di ciascuna realtà territoriale. Ringrazio il presidente Ferruccio Resta per la fiducia accordatami e in piena armonia con la giunta Crui inizieremo a lavorare immediatamente sulla formazione degli insegnanti perché è uno dei temi più caldi in questo momento nel dibattito nazionale sulla scuola. Il ministero dell’Istruzione sta per proporre una riforma che introdurrà un percorso di 60 cfu per l’accesso ai ruoli. Gli atenei saranno chiamati a ripensare rapidamente i propri piani di studio e a offrire queste nuove opportunità formative che richiederanno specifiche competenze e una stretta collaborazione con le scuole per le attività di tirocinio.

Non meno decisivi sono altri due snodi fondamentali: gli Its e l’orientamento. Sui primi occorre una riflessione ampia per rendere tale cerniera con il mondo produttivo sempre più efficace. La vocazione degli Its – scuole ad alta specializzazione tecnologica post diploma - va coniugata con una solida formazione-lavoro per consentire a chi sceglie questo percorso ‘altro’ rispetto all’Università di fare un iter comunque competitivo ed efficace. Per gli atenei sarà importante sviluppare collaborazioni più strette con gli ITS anche al fine di generare percorsi di riconoscimento cfu che offrano chiare finestre di mobilità tra i due sistemi. 

Quanto all’orientamento, riteniamo fondamentale il consolidamento delle migliori pratiche regionali, l’uso intelligente delle tecnologie digitali e la realizzazione di interventi individualizzati di counseling e bilancio delle competenze. Università, ITS e scuole lavorano già spesso a strettissimo contatto e con ottimi programmi in molte realtà italiane, tuttavia i livelli di servizio non sono omogenei. La CRUI darà un contributo per la messa in rete delle esperienze dei territori, producendo studi e linee guida con il fine ultimo di consentire a ciascuno studente di maturare una scelta di studio più consapevole, curvata sulle attitudini e sugli interessi personali", ha concluso il Rettore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I rettori d'Italia puntano sul 'Magnifico' dell'Uni Fg: a Pierpaolo Limone la prestigiosa nomina in Crui

FoggiaToday è in caricamento