Apricena e Torremaggiore sfidano San Severo: “Piano Sociale di Zona va commissariato”

I due comuni vantano crediti, ma “soldi restano bloccati nelle casse del comune di San Severo”. Potenza e Di Iorio: “Meglio se fondi e servizi siano gestiti dai nostri comuni”

L'assessore Soccio con i cittadini

I sindaci di Apricena e Torremaggiore, Antonio Potenza e Costanzo Di Iorio, criticano l’operato dell’Ambito di Zona, che dal 2012 non trasferisce a tutti i comuni i fondi per il cofinanziamento dei servizi socio-assistenziali, già giunti dalla Regione Puglia: “Non possiamo continuare a fare da stampella alle inadempienze del Piano Sociale di Zona e del Comune di San Severo, esponendo a rischio di danno erariale le nostre casse comunali. Ecco perché abbiamo proposto una mozione per chiedere il commissariamento del Piano, passata a maggioranza nell’ultima riunione di coordinamento. Nessuno di noi vuole sospendere i servizi socio-assistenziali, ma è giusto che i nostri concittadini conoscano i responsabili di questa situazione”.

Apricena e Torremaggiore vantano crediti, in totale, per centinaia di migliaia di euro. Solo Apricena, tra asilo nido ‘Don Tonino Bello’, trasporto disabili e centro ‘La Ninfea’, deve incamerare oltre 300mila euro. “È una situazione inaccettabile. Da più due anni anticipiamo la quota che dovrebbe versare il Piano Sociale. Come amministratori ci siamo presi la responsabilità di avallare delle proroghe, rischiando sulla nostra pelle. Dopo la mozione passata in coordinamento attendiamo sviluppi dalla Regione Puglia”.

Potenza aggiunge: “Alla riunione dell’Ambito ci siamo recati insieme ai cittadini che usufruiscono dei servizi. Anche loro hanno ampiamente compreso le problematiche che devono affrontare i Comuni. Non abbiamo alcuna intenzione di chiudere o sospendere questi servizi essenziali per la collettività.

Di Iorio e il primo cittadino di Apricena concludono: “Siamo disposti ad andare avanti, a presentarci al Comune di San Severo e a Bari e ad incatenarci, se necessario, davanti le sedi opportune per far valere i diritti dei cittadini. Non è concepibile che il Piano Sociale di Zona non abbia un conto corrente dedicato per incamerare i fondi provenienti dalla Asl e dalla Regione. Tutto viene trasferito al Comune di San Severo, con i soldi che restano bloccati in quelle casse. È una situazione non più sostenibile, che mette sul lastrico gli altri Comuni dell’Ambito. I problemi di Apricena e Torremaggiore sono condivisi anche dagli altri centri del territorio, come si evince dai verbali delle riunioni di coordinamento. Ecco perché chiediamo il commissariamento: a questo punto riteniamo sia meglio far gestire i fondi e i servizi direttamente dai nostri Comuni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ancora assalto a portavalori sulla A14: paura tra gli automobilisti e traffico bloccato verso Canosa

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Coronavirus, risalita vertiginosa dei contagi: 26 nuovi casi in Puglia (9 nel Foggiano)

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

  • Covid-19, è (quasi) fatta per il nuovo Dpcm. Le regole in vigore dal 10 agosto: ecco cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento