menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Approvata la nuova proposta di giunta sulla sosta a pagamento

Fissata a 1 euro la tariffa oraria. Dalla terza ora diventa 1.50. Mongelli: "Gli uffici hanno quasi ultimato la fase di aggiornamento tecnico dei regolamenti e quantificato il costo dell'iniziativa a 300mila euro"

Su proposta del  vicesindaco, Lucia Lambresa, la Giunta ha approvato il Regolamento per la sosta a pagamento da sottoporre al voto del Consiglio comunale, elaborato all’esito "dell’ampia concertazione sociale seguita all’approvazione della delibera contestualmente revocata".

Come ribadisce una nota di Palazzo di Città, “L’atto ribadisce la finalità strategica della sosta a pagamento: ridurre il traffico privato nella zona centrale della città per migliorare l’ambiente e rendere più fluida la circolazione dei mezzi pubblici. Inoltre, si favorisce la prevenzione della generalizzata violazione delle norme del Codice della Strada e si rafforza l’attività di controllo con la contestuale attivazione del servizio di Ausiliari del Traffico, svolto da un buon numero degli attuali parcheggiatori”.

Il servizio è affidato all’Ataf SpA, che riscuoterà i proventi e sosterrà le spese, in previsione della procedura di evidenza pubblica per la cessione di una quota del capitale.

Gli operatori saranno impiegati con il contratto di ‘somministrazione lavoro’, purché già in servizio alla data del 15 maggio 2009. Sono circa 5.000 i posti a pagamento e circa 7.000 quelli gratuiti. Gli orari sono: 8,30-13,30 / 16,00-20,00. Tanto il numero degli stalli che l’area con sosta a pagamento potranno essere rimodulati dopo i primi 6 mesi di attivazione del servizio.

AREE SOSTA A PAGAMENTO

L’area in cui saranno tracciate le ‘strisce blu’ è la Zona di Particolare Rilevanza Urbanistica (ZPRU) perimetrata dalle seguenti strade: viale Ofanto, viale Fortore (da viale Ofanto a via Galliani), via Galliani, piazza Cavour, via Scillitani, via Montegrappa e traverse fino all’area ferroviaria, via Sabotino (da via Montegrappa a piazzale Vittorio Veneto), piazzale Vittorio Veneto, viale Manfredi, via Manfredonia (da viale Manfredi a via S. Alfonso M. dei Liguori), via S. Alfonso M. dei Liguori, (da via Manfredonia a via S. Antonio), via S. Antonio, via Fuiani (da via Lucera a via Muscio), via Muscio, via Nenni, viale Candelaro (da via Nenni a via Vittime Civili). Rientrano nella ZPRU anche: via Gramsci (da viale Ofanto a via Smaldone), corso del Mezzogiorno (da viale Ofanto a via Smaldone), viale L. Pinto (da via Martiri di via Fani agli OO.RR.).

All’interno della ZPRU sono individuate le zone A1 e A2.

La A1 è perimetrata da: corso Garibaldi (da via Capozzi a piazza XX Settembre), corso Cairoli, via N. Delli Carri (da piazza Giordano a via G. Russo), via G. Russo, via Matteotti (da via G. Russo a via Pestalozzi), via Pestalozzi, via Mangano, via F. Crispi (da via Mangano a via Capozzi), via Capozzi. In questa zona saranno realizzate aree di sosta a pagamento solo in: via Angiolillo, via Crispi, via Fania, via San Lorenzo, via Urbano e via Zodiaco. La A2 è perimetrata da: corso Garibaldi, via Oberdan, vico al Piano, via della Repubblica (da vico al Piano a via Manzoni), via Manzoni, via Fuiani. In questa zona saranno realizzate aree di sosta a pagamento solo in: via Arpi (da via Fuiani a largo Civitella), largo Civitella, via Mele e piazza Martiri Triestini.

Sono assimilati alla ZPRU anche: viale I° Maggio, viale Pinto (da via Martiri di via Fani agli OO.RR.), strade e aree circostanti il Santuario dell’Incoronata (zona a pagamento da aprile a settembre) e l’area del Cimitero (piazzale ingresso principale, ingresso laterale su via Sprecacenere e ingresso posteriore). A pagamento anche la sosta in viale Fortore (da corso del Mezzogiorno all’incrocio con via Galliani) nei periodi di fiera.

TARIFFE

La tariffa oraria è fissata a 1,00 euro fino alla seconda ora, dalla terza ora diventa di 1,50 euro. Previsti anche abbonamenti:

mezza giornata 3,00 euro
giornaliero 4,50 euro
settimanale 20,00 euro
mensile 75,00 euro
annuale 750,00 euro

E’ prevista la vendita di pacchetti di abbonamenti annuali e mensili ad Enti, uffici pubblici e privati, aziende, ecc. con l’applicazione di sconti rapportati al numero dei titoli acquistati.

da 20 a 30 8%
da 31 a 50 12%
da 51 a 100 15%
oltre 100 20%

I residenti avranno diritto a permessi agevolati così articolati:

prima auto 40,00 euro (rimborso spese amministrative e di gestione);seconda auto 190,00 euro. Il permesso è collegato esclusivamente all’autovettura indicata all’atto della richiesta

Sono esentati dal pagamento:

diversamente abili, qualora il posto loro riservato sia occupato; esercito, Forze dell’Ordine, Polizia Provinciale e Municipale e Vigili del Fuoco per ragioni di servizio; mezzi di soccorso per ragioni di servizio.

PAGAMENTO DELLA SOSTA

Per il pagamento della sosta si possono utilizzare i ‘gratta e sosta’, in vendita presso 200 negozi e nelle biglietterie ATAF, e i tagliandi emessi dai parcometri (importo minimo: 0,30 euro).
Il tempo di sosta può essere utilizzato in zone diverse da quella per cui si è inizialmente pagato il servizio.

I parcometri venderanno anche i biglietti per gli autobus: linea urbana – 1,00 euro/ora; linea suburbana 1,20 euro/corsa.

DICHIARAZIONI

Lucia Lambresa: “L’Amministrazione comunale ha ascoltato le parti sociali ed ha rimodulato la proposta destinata al Consiglio comunale accogliendo le proposte compatibili con la programmazione dell’azienda, a cui l’Assise consiliare ha già attribuito la gestione della sosta regolamentata. Comunque, il piano sarà sottoposto ad un costante monitoraggio nel primo semestre di attuazione così da introdurre i correttivi che si renderanno necessari".

Domenico Mazzamurro, amministratore unico Ataf SpA: “L’equilibrio economico della pianificazione è stato preservato intervenendo ulteriormente sulla riorganizzazione aziendale e del servizio di trasporto pubblico”.

Gianni Mongelli: “L’Amministrazione non ha alcuna preclusione verso il referendum consultivo, né attuerà alcuna forma di ostruzionismo, purché il quesito referendario sia formulato all’esito di un’attenta valutazione delle sue implicazioni giuridiche, amministrative e finanziarie. Gli uffici hanno quasi ultimato la fase di aggiornamento tecnico dei regolamenti, da sottoporre all’attenzione ed al voto del Consiglio comunale, e quantificato il costo dell’iniziativa, che ammonta all’incirca a 300.000 euro”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento