menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Segnale di parcheggio

Segnale di parcheggio

Tutti i numeri del nuovo servizio di sosta regolamentata

Mongelli: "Se arriveranno i ricorsi li fronteggeremo nelle sedi e con le modalità opportune, ma siamo convinti della necessità di compiere scelte nette e innovative che alla lunga arrecheranno vantaggi"

5mila stalli, 7mila posti gratuiti, 30 centesimi per ogni 18 minuti di sosta, tariffa oraria ad 1 euro, 110 parcometri installati, 200 punti vendita autorizzati da Ataf Spa, 4mila permessi di sosta agevolata per la prima auto emessi gratuitamente a favore dei residenti nella zona di particolare rilevanza urbanistica che hanno presentato la domanda entro l’8 ottobre, meno di 50 quelli per la seconda macchina, 41 ausiliari del traffico che affiancheranno gli agenti di Polizia Municipale e altri 15 autobus acquistati a 21mila euro.

Sono questi i numeri del nuovo servizio di sosta regolamentata entrato in vigore questa mattina.

Tra gli altri obiettivi dichiarati non tramontano quelli relativi all’acquisto di 100 rastrelliere per motociclette e biciclette, al rilascio di altri 2mila permessi per la sosta agevolata e all’attivazione entro il prossimo semestre dei Park & Ryde, i parcheggi di scambio periferici dove lasciare l’auto privata e prendere il bus.

Sarà possibile acquistare abbonamenti per la mezza giornata, giornalieri e settimanali nei 200 punti vendita. Per quelli mensili bisognerà rivolgersi agli uffici Ataf. Una misura, quest’ultima, “studiata e attuata secondo le indicazioni delle associazioni di categoria e dei consumatori”, ha sottolineato l’amministratore unico di Ataf  SpA, Domenico Mazzamurro; “con cui avremo un dialogo costante per l’intera, attuale fase sperimentale – ha aggiunto il sindaco, Gianni Mongelliper accogliere critiche, rilievi e indicazioni migliorative”. Mazzamurro ha precisato che “Ataf non incasserà un solo euro dalle contravvenzioni”.

Lunedì comincerà l’attività di verifica capillare del lavoro svolto dalla ditta che ha tracciato le ‘strisce blu’ per eliminare le incongruenze rispetto ai parcheggi per diversamente abili, ai passi carrabili e alle zone di carico e scarico merci. Non sarà più possibile parcheggiare, neanche a pagamento, in piazzale Vittorio Veneto.

Vogliamo migliorare la qualità dell’ambiente urbano, il servizio di sosta, le condizioni di lavoro degli addetti e il trasporto pubblico, oggi utilizzato appena dal 6% dei cittadini che si spostano da una parte all’altra della città” sono state le parole del sindaco Mongelli.

Quanto ai rilievi tecnici e normativi emersi in questi giorni - raccolta firme ed emendamenti del Movimento di Idee - “siamo certi di avere agito nel rispetto della legge e nessun ricorso formale è stato avanzato rispetto alla delibera del Consiglio comunale che ha istituito il servizio con queste modalità operative. Se poi arriveranno i ricorsi, li fronteggeremo nelle sedi e con le modalità opportune – ha concluso il sindaco – perché siamo convinti della necessità di compiere scelte nette e innovative i cui vantaggi saranno percepiti dai cittadini non appena verrà meno la naturale e comprensibile ritrosia provocata dal cambiamento”.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento