Martedì, 19 Ottobre 2021
Economia

22 cassintegrati o in mobilità impiegati in Enti Pubblici: funziona l’esperimento della Provincia

Da qualche mese, i 22 lavoratori, selezionati dai CpI attraverso un avviso pubblico, svolgono attività di pubblica utilità presso l’Università, il Tribunale, la Procura e il Comune di Isole Tremiti

Ammortizzatori sociali non più come paracadute, ma come propulsori di una nuova qualità del lavoro come “bene pubblico”. A questa filosofia innovativa si ispira l’esperimento varato dalla Provincia di Foggia che ha attivato, con l’assistenza tecnica di Italia Lavoro e con il supporto della Consigliera di Parità, 22 percorsi formativi a vantaggio di altrettanti lavoratori in cassa integrazione o in mobilità. L’iniziativa è finalizzata al duplice scopo di alternare politiche attive del lavoro a quelle passive, e di favorire processi di formazione e riqualificazione in situazione lavorativa dei lavoratori in difficoltà occupazionale.

Da qualche mese, i 22 lavoratori, selezionati dai Centri per l’Impiego attraverso un avviso pubblico, svolgono attività di pubblica utilità presso l’Università degli Studi, il Tribunale, la Procura della Repubblica di Foggia e il Comune di Isole Tremiti. Affiancati dai tutor degli enti ospitanti, i lavoratori hanno così modo di vivere un’esperienza professionale nuova, ampliando le proprie competenze, migliorando la propria occupabilità e l’opportunità di reinserimento lavorativo al momento dell’uscita dal sistema degli ammortizzatori sociali.

La sperimentazione sta dando risultati molto positivi. L’impiego dei lavoratori sta consentendo agli Enti ospitanti di accrescere la qualità dei servizi resi al pubblico in settori nevralgici per il bene pubblico quali l’amministrazione della giustizia. Nell’Ateneo del capoluogo dauno, i lavoratori concorrono alla gestione delle biblioteche (attività di prestito volumi al pubblico, movimentazione libri e riviste, ricognizione inventariale), a Tremiti supportano l’ufficio tecnico del comune isolano.

La Consigliera di Parità ha sostenuto il progetto mettendo a disposizione le risorse finanziarie necessarie per l’assicurazione e per i contributi Inail. Italia Lavoro ha invece prestato l’assistenza tecnica per la preparazione dei bandi cui i lavoratori hanno aderito. L’utilizzazione dei lavoratori che percepiscono ammortizzatori sociali  è una possibilità espressamente prevista dall’art.7 del Decreto Legislativo 468/97. La procedura è stata avviata dal Commissario Straordinario della Provincia di Foggia, dott. Fabio Costantini, che ha varato una delibera con la quale dispone l’istituzione di short list per i lavoratori che intendano aderire alle richieste di utilizzo presentate dagli enti che ne hanno diritto (le amministrazione pubbliche).

Questo meccanismo ha stimolato l’adesione spontanea dei lavoratori ai percorsi formativi attivati per ciascun progetto, scongiurando il ricorso ad avviamenti d’ufficio che avrebbero potuto innescare tensione sociale, vanificando lo spirito costruttivo dell’iniziativa, che vuole incrociare pubblicità utilità e opportunità di crescita professionale per i lavoratori in cassa integrazione o in mobilità.

La riuscita della sperimentazione ha convinto la Provincia ad estendere l’iniziativa. Verrà pubblicato un avviso che intende stimolare l’adesione all’opportunità offerta dalla Delibera Commissariale delle amministrazioni pubbliche del territorio provinciale potenzialmente interessate ad ospitare progetti formativi a favore dei lavoratori che percepiscono gli ammortizzatori sociali. Verranno inoltre riaperti i termini per i percorsi già attivati presso il Tribunale,  la Procura della Repubblica e l’Università degli Studi di Foggia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

22 cassintegrati o in mobilità impiegati in Enti Pubblici: funziona l’esperimento della Provincia

FoggiaToday è in caricamento