Non c'è pace per il Parco del Gargano: nuovo bando per il direttore, ma stesse tensioni (allarmato anche il M5S)

Deliberato ieri il nuovo avviso pubblico per l'individuazione della terna direttoriale da inviare al Ministro. Scompare la griglia di valutazione dei curricula. Barone: "Fatto grave"

Resta profonda la spaccatura sulle modalità di scelta della terna per l’incarico di direttore dell’ente Parco del Gargano. La riunione di ieri  a Monte Sant’Angelo ha fatto registrare un’animosità oltre soglia, lasciando intatta la frattura tra sindaci e ambientalisti. Intanto c’è da dire che si riparte da zero. L’accapo, all’ordine del giorno, ha infatti dato via libera -col voto favorevole dei soli amministratori- ad un nuovo avviso pubblico di ricerca del profilo più idoneo, dopo la bocciatura della prima terna da parte del Ministero dell’Ambiente. Su modello del bando del Parco delle Cinque terre, si è osservato. Ma la delibera è passata col voto contrario dei due ambientalisti di nomina ministeriale presenti, Marco Lion e Massimo Monteleone, che oggi si posizionano nuovamente al varco ad attendere il responso romano. “Si è riusciti a fare peggio di prima” attacca Lion su queste colonne, “stavolta la griglia comparativa di valutazione dei curricula è stata direttamente cancellata con un tratto di penna”. Circostanza che preoccupa anche la consigliera regionale dei cinquestelle, Rosa Barone, presentatasi ieri in assemblea (che è pubblica) per rendersi conto del procedere dei lavori: “Siamo allarmati, il venir meno del metodo comparativo lascia in mano agli amministratori un elevato potere di discrezionalità” denuncia. 


Ma cosa dice l’avviso pubblico per la individuazione della terna da sottoporre al Ministro? Eccolo di seguito. “ (…) Possono partecipare alla selezione coloro che risultano essere iscritti nell’albo degli idonei allo svolgimento delle funzioni di Direttore di Parco secondo quanto indicato nel D.M. dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del 15 giugno 2016, n. 143, a cui dinamicamente si rinvia. (…) Il candidato interessato è obbligato a trasmettere a parte, pena l’esclusione, in busta chiusa e sigillata, un dettagliato e aggiornato curriculum professionale da cui traspaiano, con sufficiente chiarezza, il percorso culturale, formativo e lavorativo, con la indicazione delle eventuali esperienze maturate. Il curriculum vitae dovrà essere redatto in formato europeo ed evidenziare per i candidati dipendenti pubblici eventuali sanzioni disciplinari loro applicate negli ultimi due anni rispetto alla data di scadenza di presentazione della domanda. (questo mancava nel primo avviso) (…) Tra le istanze pervenute verrà scelta una rosa di tre nominativi da sottoporre al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per la successiva nomina con apposito Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

La selezione tenderà ad accertare essenzialmente, con riferimento alle necessità del Parco Nazionale Del Gargano, la professionalità del concorrente attraverso il curriculum nel quale saranno indicati i titoli, i risultati professionali conseguiti e dimostrabili e le capacità di organizzazione tecnico - amministrative. (questa parte del testo si differenzia sostanzialmente dal primo avviso, mancando tutta la parte riferita alla commissione e alla griglia di valutazione)

La firma stavolta è del presidente facente funzioni del Parco, Claudio Costanzucci, mentre il primo bando recava la firma del direttore uscente, Carmela Strizzi, che a quella carica concorre.

La prima terna individuata, ritenuta poi illegittima – lo ricordiamo- per le modalità con cui si è proceduto, era Strizzi-Villani-Gaudiano. Che la prima, direttore uscente, sia favorita non è un mistero. Motivo per cui, oltre agli ambientalisti, stavolta intervengono i cinquestelle: “Preoccupa l’eccessiva discrezionalità che questo nuovo avviso lascia in capo al consiglio direttivo”. Lion: “Gli amministratori non hanno capito che o si cambia musica o questo territorio non si affrancherà mai dalle logiche che lo hanno governato sino ad oggi, e ne resterà soffocato”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento