Economia

"Non chiamatele semplicemente palestre". Da Foggia il grido di dolore degli 'operatori della salute': "Stare chiusi è un'ingiustizia"

Giuseppe Scarano, titolare del centro Motus Medical Training, affida ai social una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Mario Draghi in cui evidenzia come nelle strutture ci siano professionisti idonei a trattare con l’esercizio fisico patologie di vario genere: "Ci faccia tornare presto a lavorare in sicurezza"

Le palestre fisioterapiche, riabilitative e quelle per il recupero cardiovascolare sono aperte, mentre le altre, dove peraltro si pratica l'esercizio fisico adattato, preventivo e terapeutico, sono chiuse. "È un'ingiustizia".

Giuseppe Scarano, titolare del centro Motus Medical Training di Foggia, professionista del movimento umano laureatosi nel 2015, affida il grido d'aiuto della categoria ai social, indirizzando una lettera al presidente del Consiglio Mario Draghi, nella speranza che possa diventare più virale del Covid. 

"Non so se lei ed il suo ministro della Salute siate al corrente che esistono percorsi universitari che formano professionisti con regolare laurea specialistica e che si occupano di salute tramite l’esercizio fisico. Nel dettaglio, le università italiane grazie anche alla Facoltà di Medicina e Chirurgia ogni anno sfornano specialisti dell’esercizio fisico 'adattato', cioè professionisti idonei a trattare con l’esercizio soggetti patologici di vario genere".

Il suo centro si occupa anche e soprattutto di esercizio fisico terapeutico, preventivo e adattato. Riduttivo definirle palestre. "In Italia esistono operatori della salute (riconosciuti dall’università e non dalla legge italiana) che hanno realizzato dei veri e propri centri di prevenzione (regolarmente costituiti e con regolare partita iva come il mio) con strutture dedicate all’esercizio a carattere preventivo e medicale e che voi chiamate in questo momento semplicemente palestre (credendo che siano attività di hobbisti e appassionati che già lavorano). Ebbene questi centri di prevenzione, ormai chiusi da oltre un anno, sono il sogno realizzato di numerosi imprenditori/professionisti che ogni giorno hanno fatto della prevenzione della salute e del benessere la loro principale attività. Questi ultimi con la loro passione, con il loro spirito imprenditoriale, hanno contribuito alla salute di molta gente e sfamato le loro famiglie dopo anni di studio di sacrifici e di gavetta".

Evidenzia pure come studi scientifici abbiano dimostrato che 'l’esercizio adattato contribuisce a prevenire anche l’infezione o la grave sintomatologia del Covid 19'. Da qui l'appello a rimediare. "Credo, presidente, che lei sia il garante della democrazia e del futuro dei giovani italiani ed è per questo che le chiedo di approfondire la faccenda e di farci tornare presto a lavorare in sicurezza, così da ristabilire giustizia sociale ed economica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non chiamatele semplicemente palestre". Da Foggia il grido di dolore degli 'operatori della salute': "Stare chiusi è un'ingiustizia"

FoggiaToday è in caricamento