Tares a Foggia, De Martino: “Nuovo regolamento è mazzata per giovani imprese”

Il consigliere Prima Circoscrizione Arpi-Croci Nord, Salvatore De Martino: “Esentare start up dalla tassa sui rifiuti o prevedere un rimborso del tributo”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"La nuova Tares è stato il regalo che Babbo Mongelli ha donato ai foggiani, per un servizio come quello dei rifiuti ad oggi ancora scarso ed incompleto, vista l'assenza di raccolta differenziata nella nostra città". Ad affermarlo è il consigliere circoscrizionale Salvatore De Martino, secondo il quale, grazie al nuovo regolamento Tares "gli aumenti che hanno colpito tutti i cittadini foggiani, non hanno risparmiato neanche i giovani della nostra città che con grandi sacrifici hanno deciso di mettersi in proprio ed aprire un nuovo esercizio commerciale".

"Infatti" continua il consigliere della Prima Circoscrizione Nord, "le cosiddette start up, nei primi tre anni di attività erano esentate dalla Tarsu e oggi a causa del nuovo regolamento Tares risultano essere enormemente penalizzate nel pagamento di un tributo, che in maniera assolutamente iniqua, si ritroveranno a pagare per intero.

Ma oltre al danno la beffa. Perché se da un lato i giovani imprenditori e commercianti si sono trovati a pagare una tassa che l'anno precedente non dovevano alle casse comunali, ora lo dovranno fare in un'unica soluzione a differenza degli altri esercizi commerciali che hanno avuto la possibilità di rateizzare il loro pagamento in cinque rate".

"Il sindaco e la sua Giunta si sono effettivamente superati, in quanto nei programmi di fine mandato affermano di voler lavorare per lo sviluppo economico della nostra amata città e poi con i loro provvedimenti danno una mazzata proprio ai giovani, che con tanti sacrifici decidono di rischiare i loro risparmi mettendosi in proprio e aprendo un esercizio commerciale in una città, che risulta essere già ampiamente penalizzata dalla crisi economica in atto.

Bisogna porre rimedio a questa evidentissima penalizzazione per le giovani imprese con l'augurio che l'amministrazione Mongelli metta in atto tutte le possibili soluzioni, affinché le start up possano continuare ad essere esentate dalla tassa sui rifiuti o possano ottenere un rimborso del tributo, in modo tale da garantire un po' di respiro a chi con tanta fatica vuole fare impresa nella nostra città" conclude il consigliere circoscrizionale Salvatore de Martino.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento