rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Economia

Attestati oss, l'assessore Leo tranquillizza gli esclusi dalla graduatoria del concorsone dei Riuniti: "Stiamo lavorando per riqualificarli"

Arrivano ulteriori rassicurazioni della Regione Puglia sul caso degli operatori socio sanitari che rivendicano l'equipollenza del loro titolo

"Stiamo lavorando per ulteriori possibilità di riqualificazione per gli Oss. Possono stare tranquilli, perché daremo a tutti la possibilità di riqualificarsi, assolutamente". Parola dell'assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Puglia, Sebastiano Leo, oggi a Foggia, interpellato sul caso degli Operatori Socio Sanitari in possesso dell'attestato di qualifica professionale rilasciato dall'Istituto Europeo Pegaso, tagliati fuori dalla graduatoria del concorso unico regionale indetto dagli Ospedali Riuniti di Foggia.

Più di 115 vincitori e idonei sono stati destinatari della lettera di decadenza, ma è ben più nutrita la schiera di coloro che hanno in mano lo stesso titolo che secondo la Regione non è spendibile nelle strutture pubbliche e private della Puglia.

Gli Oss Pegaso - da non confondere con la Pegaso Università Telematica (che è un altro istituto - erano stati esclusi anche dall'ultimo bando per i corsi di riqualificazione. "Sono gli uffici che stabiliscono gli accessi in base ai titoli e all'esperienza", ha detto l'assessore lasciando intendere, peraltro, che la pratica è gestita, più che altro, da dirigenti e funzionari.

Nella conclusioni della relazione in cui la Regione Puglia certificava di non poter considerare valide ai sensi delle normative vigenti le attestazioni rilasciate da Pegaso, l'ente si dichiarava disponibile a "percorrere l'unica strada possibile", sarebbe a dire l'accesso ai corsi di riqualificazione. Ma, ancora una volta, gli Oss Pegaso sono rimasti alla porta perché tra i titoli non erano contemplati i loro attestati che, secondo un'interpretazione della sentenza del Tar sul ricorso respinto, sarebbero da considerarsi equipollenti.

All'assessore Leo, uno dei legali degli Oss, l'avvocato Michele Peretto, ha inviato anche una Pec per chiedere delucidazioni in merito a questa ulteriore beffa. Lui promette di non abbandonarli: "Cercherò di supportarli come ho sempre fatto e cercheremo di costruire altri corsi Oss per riqualificarli".

Non entra nel merito della validità degli attestati: "Non vorrei parlare del titolo rilasciato da Pegaso, dico in generale questo: i titoli che la Regione Puglia e che le Regioni rilasciano hanno un percorso che è stabilito dalla norma e dalla legge, quindi evidentemente non sono proprio allineati ai percorsi e alle autorizzazioni che deve dare la Regione Puglia. I corsi per gli operatori socio sanitari devono essere riconosciuti dalla Regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attestati oss, l'assessore Leo tranquillizza gli esclusi dalla graduatoria del concorsone dei Riuniti: "Stiamo lavorando per riqualificarli"

FoggiaToday è in caricamento