Dal web alla tavola nasce Ortomanager.it, il portale 'Made in Puglia' targato Turchiarelli

Ortomanager.it è il portale che "umanizza e rende trasparenti i processi di coltivazione e trasformazione" di frutta e verdura. "Made in Puglia", è stato realizzato dal foggiano Antonio Turchiarelli con Vincenzo Dell'Olio

Antonio Turchiarelli

Dal web alla tavola, grazie ad un canale diretto e ‘a portata di mouse’ che permetterà a tutti di coltivare e gustare prodotti biologici e tipici regionali (ortaggi, frutta e verdura, come prodotto al naturale o trasformato in conserve, passati e vellutate) seguendo sempre il criterio della stagionalità e della tradizione locale.

Una sorta di evoluzione 2.0 del più noto “kilometro 0”, con la differenza che – grazie alla rete delle reti - parlare di distanze non ha quasi più senso. Stiamo parlando di Ortomanager, progetto ambizioso e totalmente “made in Puglia” che mette in contatto produttori e consumatori permettendo a tutti di coltivare “a distanza” i prodotti tipici delle regioni italiane.

Il portale, on line da pochissime settimane, è stato ideato dal foggiano Antonio Turchiarelli e da Vincenzo dell’Olio, anch’egli pugliese (di Bisceglie, per la precisione), rispettivamente mente e braccio di questo progetto che, a poche settimane dallo sbarco ufficiale nelle rete, sta già riscuotendo gli attesi successi e il favore dell’utenza.

Grazie a OrtoManager la filiera corta sfrutta tutte le potenzialità del web arricchendosi di una condivisione che va oltre l’acquisto del prodotto diretto, umanizzando e rendendo trasparenti i processi di coltivazione reale e trasformazione tradizionale”, spiega Antonio Turchiarelli, co-founder di OrtoManager.

“Ad oggi OrtoManager è presente in cinque regioni d’Italia: Puglia ovviamente, ma anche Sicilia, Lombardia, Lazio e Toscana. I prodotti più richiesti sono le arance di Sicilia e la passata di pomodoro e ogni giorno riceviamo richieste di adesione da parte di agricoltori interessati ad entrare nella nostra rete. Contiamo di poter coprire in breve tempo tutto il territorio nazionale”.

Come "funziona" il progetto è presto detto: ogni utente iscritto acquisisce il proprio “Orto Virtuale” e, utilizzando i crediti acquistati, sceglie la tipologia di frutta e verdura che intende coltivare, quantità ed eventuale tipologia di trasformazione in prodotto finito. Ogni giorno, tramite il portale, l’utente potrà verificare lo stato della coltivazione grazie all’attività svolta “sul campo” dal contadino reale. I prodotti giunti a maturazione, poi, vengono trasformati in prodotti finiti, marchiati con il nome dell’utente e spediti direttamente a casa. In questo modo, per i coltivatori andranno a coincidere i volumi di domanda e offerta, circoscrivendo le tante variabili cui è legato il mondo dell’agricoltura; tutti i virtual farmer, invece, potranno acquistare prodotti genuini e di alta qualità al prezzo di mercato.

VIDEO | ORTOMANAGER: L'ORTO A PORTATA DI MOUSE

Si tratta, in sostanza, di una interfaccia tra domanda e offerta, un “ponte” di conoscenza, valori e gusto tra il mondo della città e quello della campagna, tra le giovani generazioni che vivono a ritmo di post e immagini e chi invece vive al ritmo delle stagioni e dei sapori. Un luogo di incontro che permette agli utenti un acquisto consapevole perché doppiamente tracciato. Al percorso consueto, infatti, si aggiunge anche quello del portale web.

“Si tratta di un’idea nata 5 anni fa, in uno dei tanti viaggio Foggia-Milano”, spiega ancora Antonio, oggi 33enne ma che all’epoca era uno studente di Economia Aziendale alla ‘Bocconi’. “Ho cercato di unire le competenze economico-aziendali così acquisite a quella sensibilità per il mondo dell’agricoltura che mi è stata tramandata e trasmessa dalla mia famiglia che da quattro generazioni gestisce un’azienda agricola a Candela”. Così il progetto ha iniziato a prendere corpo e a stabilirsi Puglia “dove abbiamo voluto che tutto il progetto avesse dimora, nonostante sia io che il mio socio viviamo ormai a Milano. Questo perché crediamo molto nelle potenzialità e nelle professionalità della terra di Puglia e, non a caso, i nostri collaboratori condividono le nostre stesse origini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento