Olivante, la sfida avvincente dei giovani foggiani Marco e Mario: sviluppare la cultura dell'olio nella terra dell'oro verde

La startup, vincitrice del bando PIN - Pugliesi Innovativi e di un finanziamento a fondo perduto della Regione Puglia di 30.000 euro, ora punta a creare la più ricca carta delle cultivar aggregando l’offerta delle piccole produzioni locali.

Marco e Mario Olivante

Una sfida avvincente quella di Marco e Mario Morrone, due fratelli di 26 e 30 anni nati a Foggia, nella terra dell’olio che, con il 51% di quota di mercato la Puglia è il primo produttore di olio in Italia, seguita da Calabria (13%) e Sicilia (10%).

I Morrone nel dare vita ad Olivante si sono posti l’obiettivo non solo di mettere in contatto i piccoli produttori locali con il mondo della ristorazione ma anche di sviluppare una cultura dell’olio ancora molto limitata e che vada oltre i soliti stereotipi. “In Italia esistono oltre 400 cultivar autoctone ma ancora in gran parte dei ristoranti ai clienti viene proposto semplicemente olio EVO, senza considerare le centinaia di sfumature e di abbinamenti che possono essere fatti con le diverse tipologie di pietanze.” spiega Mario Morrone co-founder di Olivante.

Così come per il vino, anche per l’olio c’è il giusto abbinamento per ogni piatto ma se per il vino le competenze generali di ognuno di noi sono già più diffuse sull’olio ancora questa consapevolezza manca.” Olivante, quindi, si propone di creare una piattaforma on line per la vendita di olio, dove i ristoratori possono accedere a un’offerta molto più ampia di piccole produzioni locali a cui altrimenti non avrebbero mai avuto accesso e scegliere, da una dettagliata carta degli oli, le diverse cultivar proposte e i vari abbinamenti, anche in base ai piatti della loro cucina.

Olivante si rivolge al mercato della ristorazione e dell’horeca perché, come spiegano i due founder “Nel settore oleario le aziende considerate competitive sono il 37% del mercato, che scendono al 30% se consideriamo solo quelle che commerciano direttamente e non producono solamente; questo significa che il 70% dei frantoi italiani è tagliato fuori dalla grande distribuzione e non ha un accesso facile al mercato. Certo, le piattaforme di vendita online rivolte al consumatore finale possono essere un valido aiuto, ma ciò che rende sostenibile il business di una casa olearia sono i grossi ordini che arrivano, appunto dalla GDO o dalla ristorazione. Voler focalizzare la nostra piattaforma proprio sul canale della ristorazione vuol dire poter incidere significativamente sulla loro crescita."

Ho iniziato ad avvicinarmi al mondo delle startup giovanissimo - spiega Mario Morrone. - Avevo 19 anni e all’epoca ancora la parola startup non era così diffusa. Sono stato co- founder di una startup licenziataria esclusiva di un brevetto internazionale con il quale lanciammo una piattaforma di telecomunicazioni VOIP. Ottenemmo un investimento privato e l’attività durò qualche anno. Per qualche tempo portai avanti questa attività, parallelamente ai miei studi universitari, per poi decidere di dedicarmi a tempo pieno allo studio. Una scelta fortunata perché subito dopo la laurea entrai in una delle più importanti tech company del mondo, seguendo il digital marketing di uno dei partner dell’azienda. Successivamente, al momento di firmare il contratto di assunzione, mi resi conto che nella vita avrei voluto fare l’imprenditore per costruire un progetto che potesse valorizzare la terra in cui sono nato. Così decisi di tornare a Foggia e di dar vita a Olivante, insieme a mio fratello Marco, che all’epoca aveva appena iniziato gli studi a Bergamo”.

Tutto è partito dalla scelta di provare a vendere olio via web cercando di combinare le competenze nel digitale di Mario con un mercato molto tradizionale. “Scegliemmo un produttore di olio pluripremiato ma non molto conosciuto e iniziammo l’attività”. Il mercato dell’olio, infatti, è fatto di piccole e medie imprese, molte delle quali sconosciute. Noi volevamo creare qualcosa per far conoscere proprio tutte queste realtà locali che non possono raggiungere facilmente il mercato, da un lato perché i costi della grande distribuzione sono elevati, dall’altro perché molti di loro non hanno quelle competenze digitali necessarie per farsi conoscere sul web."

Così Marco, che all’epoca studiava a Bergamo, iniziò a bussare alle porte di diversi ristoranti della città per far provare l’olio pugliese. Un banco di prova importante per la startup e una prima validazione della loro idea che diede la spinta ai due giovani per proseguire nel progetto e sviluppare la piattaforma web. Pochi mesi dopo, ad aprile 2019 ottennero la possibilità di partecipare all'iniziativa PIN - Pugliesi Innovativi e vincere così il bando della Regione Puglia che prevedeva un fondo perduto di 30mila euro. Soldi che sono serviti allo sviluppo e al lancio della nuova piattaforma, avvenuto a dicembre 2019, un percorso di espansione oltre i confini della Puglia stessa.

Oggi all’interno della piattaforma sono racchiusi oltre 15 produttori provenienti da 4 regioni diverse e 21 differenti cultivar rappresentate, tra cui anche uno tra i migliori oli biologici al mondo. L’obiettivo è quello di raggiungere i 40 produttori in piattaforma entro la fine del 2020. Ogni produttore, quando accede ad Olivante ha a disposizione un proprio pannello di controllo attraverso cui controlla gli ordini e prepara la merce per il corriere che effettua la consegna direttamente al ristoratore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante la pandemia, che ha un po’ bloccato le nostre attività nei mesi scorsi, siamo fiduciosi di raggiungere con anticipo gli obiettivi che ci eravamo prefissati nel piano di sviluppo presentato. Ma al di là dei numeri, quello a cui teniamo particolarmente è sensibilizzare un consumo di olio più consapevole e più sensibile alle specificità dei nostri territori” Conclude Marco - co founder di Olivante.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento