Oasi Lago Salso non chiude, ma il Parco boccia la gestione attuale e passata: "Sciatteria evidente già all'ingresso"

Il commento del Presidente del Parco Nazionale del Gargano Pasquale Pazienza, "a seguito di notizie e petizioni fuorvianti lanciate dal Centro Studi Naturalistici Onlus (socio al 4% dell’Oasi Lago Salso SPA)"

Oasi Lago Salso, foto di Matteo Nuzziello

“L’Oasi Lago Salso non chiude, ma si avvia verso una fase di profondo cambiamento e di riorganizzazione, resisi necessari dopo una gestione, sia attuale che passata, caratterizzata da forti criticità, che hanno compromesso la possibilità di assicurare un’effettiva fruizione pubblica dell’area basata su una concreta e corretta valorizzazione delle valenze naturalistico-ambientali in essa contenute. La sciatteria gestionale regna sovrana già all'ingresso dell’area dove l’inesistenza di chiavi di accesso ai vari locali e la presenza di trattori sprovvisti di targhe ed attrezzi agricoli abbandonati alle intemperie, sono solamente l’esempio più evidente”.

Lo dichiara con fermezza il Presidente del Parco Nazionale del Gargano Pasquale Pazienza, "a seguito di notizie e petizioni fuorvianti lanciate dal Centro Studi Naturalistici Onlus (socio al 4% dell’Oasi Lago Salso SPA)", dopo la decisione dell’Ente Parco di procedere con lo scioglimento e la liquidazione della società che gestisce il sito di proprietà del Comune di Manfredonia.

La proposta, avanzata dal presidente Pazienza, è stata votata all'unanimità dal Consiglio Direttivo nella seduta del 12 novembre scorso, "salvo il successivo dietrofront dei consiglieri Lion, Riga e Monteleone, che hanno formalmente richiesto all'Ente – seguendo una procedura alquanto anomala – la sospensione e la revoca in autotutela della deliberazione a seguito dell’offerta di acquisto della totalità delle quote da parte del socio privato Centro Studi Naturalistici Onlus".

"Una proposta di acquisto che il Parco Nazionale del Gargano non può prendere in considerazione per oggettivi vincoli legislativi e contrattuali. I primi previsti dalla normativa riguardante il codice degli appalti pubblici e il codice di trasparenza. I secondi, determinati dall'accordo di programma siglato nel 2015 tra il Comune di Manfredonia e l’Ente Parco, dal contratto di concessione (2015) tra il Comune di Manfredonia e la Società Oasi lago Salso SPA e dal contratto di cessione gratuita condizionata, sottoscritto sempre nel 2015 tra il Comune di Manfredonia e l’Ente Parco Nazionale del Gargano.

“Sulla scorta di tutto questo – aggiunge Pazienza – è doveroso spiegare che il Parco, nonostante il 96% delle quote, non può esercitare alcuna forma di investimento e/o di intervento diretto proprio a causa della presenza, nella compagine societaria, della quota di minoranza privata (4%) del CSN”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento