rotate-mobile
Economia

La nuova linea ferroviaria 'Adriatica' si farà: "Grande notizia per la Puglia"

Importanti interventi anche in Puglia per potenziare e velocizzare il traffico merci e passeggeri. Un'ora in meno da Bari a Bologna e viceversa

Michele Emiliano raggiante per la trasmissione del progetto di massima affidato dal ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile a Rfi con la collaborazioni delle regioni interessati, he riguarda la progettazione e realizzazione degli interventi di potenziamento tecnologico della tratta ferroviaria Bologna-Lecce, di ammodernamento delle stazioni ai fini di una migliore accessibilità e della intermodalità, di rettifica del tracciato in diversi tratti e di riduzione delle interferenze. A comunicare che il progetto di velocizzazione, ammodernamento e miglioramento della linea ferroviaria Adriatica si realizzarà è stato direttament eil mministro Enrico Giovannini ai presidenti delle Regioni Abruzzo, Emilia-Romagna, Marche, Molise e Puglia. "È una grande notizia per il Mezzogiorno e per lo sviluppo della Puglia" ha detto il Governatore della Puglia.

Il progetto prevede un investimento complessivo pari a 8,5 miliardi di euro, di cui cinque miliardi stanziati dalla legge n. 234/2021 e gli ulteriori attingendo alle risorse Fsc 2021-2027, per la realizzazione di bypass che consentano il transito dei treni veloci passeggeri e di treni merci su nuove tratte all’interno, conservando la linea costiera esistente per la funzione di trasporto pubblico locale, e varianti di percorso con l’arretramento della linea in sostituzione di quella esistente.

Questa soluzione garantisce la riduzione di un’ora dei tempi di percorrenza nella tratta Bologna-Bari, senza diminuire il numero di fermate, e una più efficace mobilità locale per i passeggeri. I principali interventi che riguardano la Puglia sono nella tratta Pescara-Foggia, il potenziamento/adeguamento degli impianti delle stazioni di Apricena e San Severo, in aggiunta agli interventi tecnologici in corso; un nuovo tracciato in arretramento a Bari-Nord; in prospettiva, il quadruplicamento della Barletta-Bari; la velocizzazione del tratto Brindisi-Taranto. Per quest’ultimo si prevedono adeguamenti tecnologici e infrastrutturali tali da incrementare la capacità merci e passeggeri, una maggiore regolarità del traffico, la soppressione di 28 passaggi a livello e la possibilità di servizi interoperabili tra Rfi e Fse presso la stazione di Francavilla Fontana. Il tutto per un ammontare stimato di 250 miliardi.

“Con questi interventi si ridurranno di un’ora i tempi di percorrenza nella tratta Bologna-Bari, ma si realizzeranno notevoli migliorie sulle linee regionali, a tutto vantaggio dei viaggiatori pendolari e dei turisti" sottolinea l'assessore regionale ai Trasporti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova linea ferroviaria 'Adriatica' si farà: "Grande notizia per la Puglia"

FoggiaToday è in caricamento