menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione del numero verde

La presentazione del numero verde

Asl e Riuniti abbattono le liste d’attesa: ecco il numero verde per prenotare le prestazioni sanitarie

800.466222: risponde il CUP provinciale per le prestazioni sanitarie. ASL Foggia e Ospedali Riuniti insieme per un modello di Sanità al servizio del cittadino

Dallo scorso 5 settembre è attivo in Capitanata un CUP provinciale per le prenotazioni sanitarie. Contattando un unico numero verde, 800.466222, l’utente può prenotare prestazioni indifferentemente presso strutture della Asl Foggia o dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria ‘Ospedali Riuniti’ di Foggia. Lo hanno annunciato, nel corso di una conferenza stampa congiunta, i direttori generali dell’Azienda Sanitaria Locale, Vito Piazzolla, e dei Riuniti, Antonio Pedota.

Ha dichiarato Vito Piazzolla: “Quello che abbiamo appena attivato è uno degli strumenti principali di abbattimento delle liste di attesa. Il Cup Provinciale assicura, infatti, un doppio servizio: lo snellimento della procedura di prenotazione da un lato e la pulizia delle liste dall’altro. Grazie al sistema “recall” l’utente è, infatti, ricontattato dal sistema cinque giorni prima della prenotazione. Ciò permette, in pratica, di liberare le liste di attesa dalle prenotazioni disdettate e inserire contestualmente nuove prenotazioni coprendo quegli spazi che, in precedenza, rischiavano di restare vuoti”.

Il CUP provinciale è il risultato di un percorso iniziato nel 2014 con il progetto sperimentale del Contact Center della Asl a cui si è aggiunto l’allestimento, sempre in via sperimentale, di sportelli self service (Fast Box) che consentono l’accettazione immediata di utenti esenti.

Successivamente, tra le parti sono stati avviati proficui contatti per la creazione di un CUP unico. Gli Ospedali Riuniti hanno aggiudicato una gara relativa all’affidamento del servizio secondo il modello sperimentato dalla Asl che vi ha subito aderito. Il progetto si è così concretizzato nella firma di un protocollo d’intesa tra le due aziende. Il 5 Settembre 2016 si è passati dalla fase di sperimentazione a quella operativa.

Queste le parole di Antonio Pedota: “Questo è l’inizio di un percorso di integrazione tra Ospedali e Territorio che abbiamo fortemente voluto io e il direttore Piazzolla. Adesso è il momento di cominciare a intessere protocolli che partiranno dal territorio, arriveranno all’ospedale per tornare al territorio. Un modello di Sanità al servizio del cittadino. Il primo passo verso l’integrazione a cui faccio riferimento è proprio il CUP Provinciale che, entro fine anno, permetterà di avere agende condivise grazie alle quali l’utente sarà indirizzato nel luogo dove la prestazione potrà essere effettuata prima o, se preferisce, in quello più vicino alla propria residenza”.

Proprio la condivisione di un modello di Sanità al servizio del cittadino ha spinto Piazzolla e Pedota ad allargare la conferenza stampa ai rappresentanti della provincia di Foggia in Consiglio Regionale. Presenti Raffaele Piemontese, Napoleone Cera, Rosa Barone, Giannicola De Leonardis. All’unanimità hanno espresso il plauso all’iniziativa, accolta quale strumento di agevolazione nell’utilizzo dei servizi sanitari da parte dell’utenza. Positivi anche i riscontri dell’assessore all’Urbanistica del Comune di Foggia, Francesco D’Emilio, presente in rappresentanza della conferenza dei sindaci, e del vicepresidente della amministrazione provinciale Rosario Cusmai.

Entro fine anno l’unificazione delle agende renderà possibile effettuare la prenotazione indifferentemente su Strutture ASL e Ospedali Riuniti, sia telefonicamente che presso uno qualsiasi degli sportelli delle due Aziende. A ottobre partirà la sperimentazione di ‘Fast Box’ integrati della funzione di pagamento con la moneta elettronica.

È inoltre in programma l’estensione del Cup provinciale alla sanità privata. “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo e le restanti Aziende Sanitarie private del territorio hanno infatti confermato la propria disponibilità a partecipare all’iniziativa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento