Ultimo treno per la Moldaunia, dalla Puglia al Molise attraverso un referendum confermativo

L’ing. Gennaro Amodeo esorta il presidente della provincia, Francesco Miglio ad adire il referendum per il mese di ottobre

Per il presidente del movimento popolare progetto ‘Moldaunia’, non c’è più tempo da perdere. Dopo quindici anni di impegno e di lotta per l’autonomia della Capitanata - in base al diritto all’autodeterminazione espressamente previsto dall’art. 132 – 2° comma della Costituzione, e dopo la delibera consiliare del Comune di Foggia, inerente la richiesta di referendum consultivo provinciale per il passaggio dalla regione Puglia al Molise – l’ing. Gennaro Amodeo scrive al presidente Miglio ricordandogli “l’obbligo istituzionale, oltre che morale, di adire il referendum, avocando a sé l’iniziativa referendaria quale presidente della provincia, adottando un’apposita delibera provinciale, sulla scorta di alcune motivazioni e sulla base della accertata stragrande volontà popolare espressa con le delibere dei comuni di Alberona, Apricena, Carlantino, Casalvecchio di Puglia, Castelluccio Valmaggiore, Celenza Valfortore, Ischitella, Peschici, Roseto Valfortore, San Marco la Catola, Serracapriola, Torremaggiore, Volturino, San Severo e Foggia, corrispondenti ad una rappresentanza popolare del 40,21% dell’intera popolazione provinciale, contro il 5% richiesto dal nuovo Statuto provinciale”.

Queste le motivazioni espresse da Amodeo: “La delibera consiliare 113 approvata il 20 marzo 2015 dal Comune capoluogo è servita a ratificare definitivamente la volontà popolare già espressa nel 2011 da tutte e tre le circoscrizioni cittadine con delibere approvate a maggioranza assoluta degli relativi consigli. Foggia rappresenta, da sola, quasi il 25% dell’intera popolazione provinciale, rispetto al 5% minimo di rappresentanza popolare richiesta dal nuovo Statuto provinciale. Precedentemente, nella seduta  del 15/06/2011, il Comune di San Severo ha approvato  all’unanimità dei  presenti (compreso quindi il suo voto, che va a suo onore) analoga delibera n. 39, di adesione al progetto Moldaunia con relativa richiesta di referendum”

Amodeo esorta Miglio ad accelerare i tempi: “E’ bene, peraltro, che alla suddetta delibera si arrivi quanto prima possibile, in modo da agganciare il nostro referendum provinciale a quello confermativo nazionale, previsto per il prossimo ottobre, in modo da sgravare la Provincia dell’onere finanziario dell’operazione referendaria e sgombrare il campo da qualsiasi possibile alibi di compatibilità finanziaria dell’Ente”

Conclude il presidente del progetto ‘Moldaunia’: “Nella certezza che Lei non voglia, innanzitutto, sconfessare il suo voto di San Severo ed a seguire tradire le aspettative del popolo dauno, La saluto con stima e simpatia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Coronavirus in Capitanata: positivo intero nucleo familiare. Piazzolla: "Tracciata catena dei contatti. Situazione sotto controllo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento