Energas, Riccardi evidenzia: "Nessuno ha chiesto parere al Ministero della Difesa"

Il sindaco furioso: “Tante le criticità sollevate e gli enti nazionali preposti non hanno chiesto anche il parere al Ministro. E' importante per noi tutti essere ascoltati in questa opposizione civile, ferma e fondata"

No Energas a Manfredonia

Energas, quale ruolo ha il Ministero della Difesa? E’ la domanda ricorrente a Manfredonia, dove la popolazione si sente minacciata dalla possibile realizzazione di un impianto costiero Energas. Se lo chiede in particolar modo il sindaco, Angelo Riccardi, soprattutto dopo la risposta del sottosegretario Domenico Rossi, interrogato sull’iter procedurale in corso, in commissione Difesa della Camera. “L’Aeronautica militare, ad oggi, non è stata coinvolta nel processo di valutazione d’impatto ambientale, tantomeno ha mai ricevuto alcun documento nell’ambito dei procedimenti autorizzativi". 

Ma se è vero che il Ministero della Difesa non è stato coinvolto nei diversi procedimenti di valutazione dagli enti nazionali preposti, è altrettanto vero che il sindaco Riccardi ha sottolineato in più circostanze l’importanza di acquisire anche il suo parere per via dell’ubicazione dell’aeroporto di Amendola, proprio a ridosso dell’area in cui Energas chiede di realizzare il suo impianto.

Nella conferenza di servizi svoltasi al MiSe, il 22 ottobre 2015, era stato messo a verbale che “il Comune ritiene necessario convocare nelle prossime conferenze dei servizi il Ministero della Difesa 3^ Regione Aerea, Autorità di Bacino e la Struttura Sismica della Provincia di Foggia” e che “il responsabile del procedimento dichiara a tale riguardo che verranno valutate le richieste del Comune”. C’è di più, però, visto che il 28 ottobre 2015, fu proprio Riccardi a prendersi la briga, per modo di dire, di contattare il Ministero della Difesa e la 3^ Regione Aerea, con posta certificata, per chiedere loro “se l’intervento in via di approvazione necessiti di parere e/o autorizzazione, nel rispetto della normativa in materia di impianti militari”.

Spiega il primo cittadino di Manfredonia: "Avevo segnalato che era in corso il procedimento per il rilascio dell’Autorizzazione Unica per il deposito costiero di GPL. Avevo, inoltre, spiegato quali fossero le ragioni per le quali ritenevo, e continuo ad esserne convinto, che fosse necessario che si attivassero nelle opportune sedi: un deposito di stoccaggio che interesserebbe una superficie di circa 180 chilometri quadrati, con dodici serbatoi per un totale di sessantamila metri cubi l’uno; l’inidoneità del molo A5 del porto industriale, deputato all’attracco della navi gasiere, per questioni funzionali e di sicurezza; il gasdotto che si estenderebbe per metà dal deposito alla spiaggia di Siponto su terraferma e per la restante metà sviluppandosi sul fondale marino; il raccordo ferroviario nella vicina Frattarolo, a binario unico, che unirebbe il deposito alla rete ferroviaria”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Angelo Riccardi prosegue: “Sono tante le criticità che sollevai e mi duole sapere che gli enti nazionali preposti al procedimento di valutazione dell’impianto non abbiano chiesto anche il parere al Ministro della Difesa. Se penso a quanto sia importante per noi tutti essere ascoltati in questa opposizione civile, ferma e fondata, e, poi, penso all’apparente fretta con cui pare che si voglia concludere il percorso autorizzativo a favore dell’Energas, raddoppio le energie e non mi fermo. C’è ancora tempo e modo perché nella prossima conferenza di servizi venga convocato anche il Ministero della Difesa per il parere dell’Aeronautica. E, in ogni caso, l’Amministrazione comunale di Manfredonia non consentirà mai attività produttive che siano nocive o che mettano a rischio l’incolumità delle persone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento