Mercato immobiliare: forte incremento delle transazioni a Foggia, + 35,5%

Le quotazioni in Puglia registrano un segno lievemente positivo compreso fra lo 0,2% di Bari e l' 1,1% di Brindisi, con la città di Foggia che presenta un dato negativo (-0,2%) e Taranto che rimane invariata

Realizzato dall’Ufficio Provinciale di Bari, in collaborazione con l’Ufficio Statistiche e Studi del Mercato Immobiliare della Direzione Centrale OMISE dell’Agenzia del Territorio, il documento relativo al mercato immobiliare della Regione Puglia si riferisce al I semestre 2011.

La Regione Puglia, nel I semestre 2011, ha registrato 18.079 transazioni immobiliari confermando un trend negativo (-5,1%) già evidenziatosi nei precedenti semestri, seppure in linea con la media nazionale che si è attestata al -5,3%. L’esame del Numero di Transazioni Normalizzate del I semestre 2011 rispetto al I semestre 2010 (Tabella 1), mostra una flessione superiore alla media regionale per le province di Lecce (-9,7%) e Foggia (-7,4%). Assolutamente in linea sia con la regione Puglia che con la media nazionale è la riduzione del numero di transazioni per la provincia di Bari (-5,2%), mentre in controtendenza appaiono i dati relativi alle province di Taranto e Brindisi, dove si sono verificati dei lievi aumenti (rispettivamente dello 0,6% e dello 0,2%).

La quotazione media ponderata regionale pari a 1.116 €/mq è superata soltanto nelle province di Bari con 1.389 €/mq e Foggia con 1.128 €/mq. Le quotazioni hanno registrato sul mercato piccoli aumenti in tutte le province ad eccezione di quella di Foggia dove si è verificata una lieve riduzione.

NOTA IN PDF TRANSAZIONI IMMOBILIARI

I capoluoghi di provincia (Tabella 2), mostrano in generale una riduzione delle transazioni, con un valore di -7,6% della città di Bari seguita da quella di Lecce con il -6,0%, Brindisi con -2,4% e Taranto con il -2,0%; in controtendenza è risultata la città di Foggia dove si è verificato un forte incremento pari al 35,5%. Le quotazioni registrano tutte un segno lievemente positivo, compreso fra lo 0,2% di Bari e l’ 1,1% di Brindisi, con la città di Foggia che si presenta un dato negativo (-0,2%) e Taranto che rimane invariata.

La provincia di Bari assorbe il 40,0% delle transazioni normalizzate della regione (Figura 1) seguita da quella di Lecce con il 18,7%, Foggia con il 15,6%, Taranto con il 15,4%, ed infine Brindisi con il 10,3%. Il grafico relativo al numero indice di transazioni normalizzate a partire dal I semestre 2004 (Figura 2 ) mostra un perfetto parallelismo fra le curve relative all’Italia, alla regione Puglia, ai Capoluoghi e ai Non Capoluoghi, tutte con un sensibile calo nel periodo I semestre 2006 - I semestre 2009 coincidente con la grande crisi del settore immobiliare ed un successivo andamento altalenante che non consente, visto l’attuale scenario europeo, di ipotizzare un andamento unidirezionale.

Per quanto concerne le variazioni delle quotazioni immobiliari, il grafico di Figura 3 mostra come ad un aumento notevole nel periodo I semestre 2004 - II semestre 2007 sia seguita una stabilizzazione delle quotazioni immobiliari nel periodo successivo, che continua a protrarsi nell’attuale scenario immobiliare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento