Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia Ospedale - Parco San Felice / Viale Luigi Pinto

Ecco la nuova Medicina Nucleare. Vendola: “Foggia fa un salto in avanti straordinario"

Diagnostica, terapia, radiofarmacia, immunologia e conservazione e decadimento dei rifiuti radioattivi. "Molti non dovranno più spostarsi e verranno qui a Foggia a cercare quello che noi pugliesi cercavamo a Milano"

Questa mattina è stata inaugurata la Medicina Nucleare agli Ospedali Riuniti di Foggia. Nell’aula Turtur della sede aziendale di viale Luigi Pinto taglio del nastro alla presenza del governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, del sindaco Landella e del direttore generale della ASL, Attilio Manfrini. Realizzata con i fondi di investimento erogati dall'Unione Europea su definizione e assegnazione della Regione Puglia, l’opera ha ricevuto la benedizione di mons. Francesco Pio Tamburrino, arcivescovo metropolita della diocesi Foggia-Bovino. 

Così il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola: “Credo che siamo di fronte al compimento di un sogno. La Medicina Nucleare con le sue attrezzature, i macchinari e le tecnologie più evolute che esistono oggi sul mercato può consentire di abbattere ulteriormente quel fenomeno che ha caratterizzato la vita del Sud e anche della nostra regione, quello cioè di andare a cercare altrove, al Nord, parliamo soprattutto dei malati oncologici, le risposte diagnostiche e terapeutiche più evolute. Oggi Foggia fa un salto in avanti straordinario. Molti non dovranno più spostarsi altrove e, forse, da fuori regione verranno qui a Foggia a cercare quello che noi pugliesi cercavamo a Milano”.

Noi dobbiamo soprattutto confrontarci sul diritto alla salute e sui diritti dell’ammalato perché oggi ci sono due modi di guardare il riordino ospedaliero. Un modo è quello che riguarda le piccole lobby e i loro interessi. Un altro modo è quello del programmatore sanitario che, dovendo dare priorità al miglioramento dei servizi ai cittadini cerca, proprio nel momento in cui la sanità è sottoposta ad una massiccia cura dimagrante, di farle fare il salto proprio dal punto di vista tecnologico. Penso alle prospettive della telemedicina che possono essere modernizzazione dell’offerta da un lato e abbattimento dei costi dall’altro.

Soddisfazione è stata espressa anche dal primo cittadino del capoluogo dauno, Franco Landella: "In questa giornata storica per la sanità foggiana formulo un ringraziamento sincero all’amministrazione degli “Ospedali Riuniti”, in particolare al commissario straordinario Tommaso Moretti, che sino ad oggi ha lavorato con impegno e dedizione. L’inaugurazione dei nuovi locali e la presentazione dei nuovi macchinari per la medicina nucleare, consegnano alla nostra comunità strumenti fondamentali per la diagnostica e la cura di gravissime patologie, che saranno combattute con il determinante contributo di personale medico di grande valore e competenza. Si tratta di un segnale di attenzione rilevante per la città di Foggia e per quello che è il secondo Policlinico della Puglia, in cui convivono il servizio pubblico e l’eccellenza rappresentata dalla ricerca universitaria. L’auspicio è che l’inaugurazione di questi nuovi reparti e la presentazione di questi nuovi macchinari possano determinare una significativa diminuzione del “viaggi della speranza”, che molti pazienti e le loro famiglie sono state costretti a compiere in questi anni. È un’inversione di tendenza profonda, tanto più importante perché conseguita in un campo come quello della sanità pubblica”.

MEDICINA NUCLEARE, CARATTERISTICHE E FINALITÀ. Le radiazioni sono una componente naturale del nostro ambiente, presenti in diverse forme e che provengono sia da sorgenti naturali, come la luce che ci consente di vedere o il calore che proviene dal sole ed i raggi cosmici, sia da sorgenti artificiali create dall'uomo quali, ad esempio, le microonde usate per cucinare, le onde radio usate per le comunicazioni e i raggi X usati per le radiografie.

La Medicina Nucleare, ancora oggi circondata da un ancestrale timore, causato più che altro dall'aggettivo "nucleare", è in realtà una branca specialistica della Medicina che utilizza i cosiddetti radiofarmaci per ottenere, in modo non invasivo, dati fisiopatologici utili per fini diagnostici e terapeutici. Di particolare interesse sono le nuove possibilità fornite dalla Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) che, utilizzando quelle molecole che normalmente entrano nel metabolismo umano, come ad esempio il glucosio, permette di diagnosticare con maggiore accuratezza un tumore e la sua eventuale diffusione.

La nuova struttura di Medicina Nucleare, tra le più attrezzate ed avanzate in Italia, completamente riprogettata e realizzata nella nuova sede, è ubicata nel plesso che già ospita la Radioterapia Oncologica, l’Oncologia e l’Ematologia. Essa si compone di: una sezione diagnostica, equipaggiata con un tomografo PET-TC a 128 strati, e due gamma-camere SPECT di nuovissima generazione, delle quali una provvista anche di tomografo TC a 16 strati; una sezione di terapia, dotata di tre stanze (per complessivi cinque posti letto) di degenza protetta, in grado di ospitare pazienti che necessitano di terapie con isotopi radioattivi; una sezione di radiofarmacia, per la sintesi dei radiofarmaci diagnostici e terapeutici e per l’effettuazione dei controlli di qualità sui radiofarmaci stessi; un laboratorio di radioimmunologia, per l’effettuazione di dosaggi e misure di radioattività su campioni biologici; una struttura per la conservazione ed il decadimento dei rifiuti radioattivi, solidi e liquidi, che consente il loro smaltimento quando la radioattività è azzerata, e dunque nel completo rispetto dell’ambiente.

Questa organizzazione consentirà di rispondere in tempi adeguati, con professionalità e tecnologie di avanguardia, al bisogno di salute di un territorio che si estende oltre i limiti geografici della Regione. È dunque questo il nucleare buono sul quale, senza necessità di referendum, siamo tutti d’accordo!

                                                                                                                              

   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco la nuova Medicina Nucleare. Vendola: “Foggia fa un salto in avanti straordinario"

FoggiaToday è in caricamento