Sabato, 19 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Puglia "si celebra" il primo matrimonio anti-covid del 2021: "E' la dimostrazione che si possono fare"

“Una cerimonia nuziale e banchetto di nozze con 50 invitati - spiega la presidente di Federmep Serena Ranieri - per dimostrare che, mentre in Italia si tengono feste non autorizzate, gli operatori della filiera matrimoni ed eventi sono pronti e preparati per una ripresa in sicurezza e nel rispetto della legge.

Si è celebrato oggi presso Villa De Grecis a Bari un matrimonio dimostrativo organizzato da Federmep per evidenziare come le linee guida adottate dalla conferenza delle regioni il 28 aprile scorso siano efficaci e in sufficienti per una ripartenza immediata e in sicurezza delle feste.

Una rappresentazione scenica realistica – dalla preparazione della sposa alla cerimonia, dall’aperitivo al taglio della torta – che giunge a poche ore dalla cabina di regia che deciderà la data per la ripresa delle attività del settore matrimoni ed eventi privati, tra i pochissimi a non aver ancora avuto una data certa. 

“Una cerimonia nuziale e banchetto di nozze con 50 invitati - spiega la presidente di Federmep Serena Ranieri - per dimostrare che, mentre in Italia si tengono feste non autorizzate, gli operatori della filiera matrimoni ed eventi sono pronti e preparati per una ripresa in sicurezza e nel rispetto della legge. Il governo comprenda che un evento organizzato da professionisti seri e responsabili offre maggiori garanzie di uno improvvisato o abusivo. Mercoledì lo dimostreremo”.

La lettera a Mario Draghi

No, caro Presidente, a questo gioco al massacro noi non ci stiamo. Ci siamo permessi l'impegnativa citazione per evidenziare la delusione nell’ascoltare le parole che ha appena pronunciato alla Camera in risposta a un question time. 

Parole che offendono la verità e che rischiano di massacrare un settore che, oltre che realizzare i sogni di decine di migliaia di coppie ogni anno, rappresenta un fiore all’occhiello del Paese nei mercati internazionali e un volano per altre filiere economiche.

Dalle sue parole emerge un’equazione: feste uguale contagi. Un’equazione che ci saremmo aspettati dagli scienziati del CTS, non da un uomo ben ancorato nella realtà e nell’economia come Lei. Ha prova che i nostri eventi rappresentino dei focolai? Se sì ce le porti, altrimenti respingiamo l’accusa. Non perché non siamo consapevoli dei rischi, ma perché siamo totalmente fermi da oltre sei mesi e non ci pare che i contagi siano diminuiti in coincidenza del nostro stop forzato. 

Crediamo di poter affermare – per limitarci a un esempio – che il virus preferisca gli autobus angusti e affollati alle nostre feste all’aria aperta. Perché di questo stiamo parlando: permettere che si tengano feste in spazi ampi, ben areati e sotto la supervisione di professionisti responsabili e meticolosi. 

E mentre il suo governo appunta sul nostro petto il simbolo della colpa, ogni giorno decine di feste ‘abusive’ si tengono in ogni angolo d’Italia. Non sarebbe meglio autorizzarle e controllare che sia rispettata l’osservanza delle norme anziché implicitamente favorire gli eventi non autorizzati? 

La Conferenza delle Regioni ha adottato delle linee guida a cui noi siamo pronti ad attenerci. Ed è accaduto non ieri, ma due settimane fa. Ma per salvare la stagione è necessario che il governo indichi ora la data per la ripartenza. Come ben sa il nostro lavoro necessita di organizzazione e pianificazione: far slittare le aperture a metà giugno o peggio a luglio significherà bruciare buona parte della stagione. E con essa la resilienza di tanti operatori economici fermi ormai da 14 mesi. 

Lei, caro Presidente, ha parlato anche dei ristori per la nostra filiera, citando con orgoglio un fondo da 200 milioni destinato ANCHE agli operatori del settore matrimoni ed eventi privati. Duecento milioni, peraltro da condividere con altre filiere, per oltre 50mila imprese fa una media di 4mila euro a impresa. Una miseria in molti casi neanche sufficiente a coprire i costi fissi. Confidiamo che con il Sostegni bis si prenda atto che ci sono imprese che stanno continuando a non lavorare, e allo stesso tempo prendere consapevolezza che farci riprendere le attività in sicurezza rappresenta un vantaggio per lo Stato, che avrà meno ristori da versare, senza che ciò aumenti il rischio di diffusione del virus.

Lo Stato ha di fatto consentito che trentamila tifosi si accalcassero in piazza Duomo a Milano per festeggiare lo scudetto; ha di fatto consentito una discoteca all’aperto a Firenze; sta di fatto consentendo feste private in barba ai divieti; permetterà l’afflusso di spettatori ad alcune manifestazioni sportive; consentirà – finalmente – la ristorazione anche al chiuso. Ma continua a vedere nelle feste la principale occasione di contagio. 

No, caro Presidente, non siamo gli untori. Le ultime ondate di contagi sono avvenute durante il fermo forzato delle cerimonie: questi sono i fatti. Per il precedente governo siamo stati fantasmi, oggi non ci stiamo a passare per capri espiatori.

Si parla di

Video popolari

In Puglia "si celebra" il primo matrimonio anti-covid del 2021: "E' la dimostrazione che si possono fare"

FoggiaToday è in caricamento