Lo chef Lionel Catherin a Biccari: successo per la due giorni dedicata alla cucina molecolare

Il francese al ristorante Ri.Gà. Un evento culinario unico, che ha unito l'innovazione alla tradizione gastronomica dei Monti Dauni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Successo per la due giorni dedicata alla cucina molecolare con lo chef francese Lionel Catherin che si è svolta nell’ultimo fine settimana al ristorante Ri.Gà. di Biccari, di Riccardo e Gabriele Ioanna. Un evento culinario, in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier, che ha dato la possibilità ai numerosi clienti del ristorante biccarese di gustare un menù composto da 6 portate, accompagnate da una accurata selezione di vini del territorio e non solo. Un modo innovativo di cucinare, o meglio, di trasformare una materia prima, scomporla ed esaltarla in tutta la sua essenza.

Sferificazione, particolari metodi di cottura e l’utilizzo di ingredienti insoliti come l’azoto liquido oppure la transglutaminasi, caratterizzano la cucina molecolare di chef Catherin che, da ormai 15 anni, ha deciso di viaggiare e lavorare a bordo dello yacht privato ed esclusivo “The World”. Oggi, il suo grande obiettivo è quello di promuovere la cucina molecolare nel mondo.

Nato in Bretagna e cresciuto sulla costa in un piccolo villaggio in una famiglia di pescatori, chef Catherin ha sviluppato una predilizione per il pesce e i crostacei. Ai fornelli fin dall’età di 16 anni, ha trascorso 18 mesi a Thaiti dove ha imparato ad apprezzare la cucina esotica del luogo. Ha lavorato in diverse zone della Francia tra cui Normandia, Vendeè, Alpi, Corsica sotto la guida di diversi chef famosi che lo hanno aiutato ad elevare il suo bagaglio culinario. Non è la prima volta che il Ri.Gà. di Biccari propone eventi con chef di fama internazionale. Dopo il giapponese Takagi Kazuo nel 2018 e Lionel Catherin quest’anno, sono in cantiere altre iniziative volte anche alla valorizzazione della tradizione enogastronomica biccarese e dei Monti Dauni, attraverso la commistione con tipologie di cucina di respiro moderno e sperimentale in cui la ricercatezza di stili, la cura dei dettagli nella preparazione dei piatti e l’uso di materie prime particolari, rendono unici i sapori di ogni portata. Obiettivo è quello di offrire esperienze emozionali in cui la vista, l’olfatto e il gusto dei commensali siano stimolati ed esaltati da tipologie di cucina davvero particolari.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento