Lunedì, 15 Luglio 2024
Economia Troia

Licenziamenti imminenti nelle Rsa 'San Raffaele': sale la tensione sociale, lavoratori pronti a manifestare

Non c'è tempo da perdere per salvare i livelli occupazionali. Fials Puglia torna a sollecitare la convocazione del tavolo di confronto

Scadono a fine giugno i termini della ‘fase amministrativa’ della procedura di licenziamento avviata dalla società che gestisce le residenze sanitarie assistenziali ‘San Raffaele’ di San Nicandro Garganico e Troia.

Nell’imminenza della scadenza, il segretario generale della Fials Puglia, Massimo Mincuzzi, ha scritto al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, anche nella sua qualità di assessore alle Politiche della Salute, per sollecitare, ancora una volta, l’immediata convocazione del tavolo tra Azienda, Regione, Asl Fg e Asl Lecce (c’è anche la Rsa di Campi Salentina).

Per salvaguardare i livelli occupazioni, il sindacato auspica un’intesa sull’adeguamento dei livelli di remunerazione delle prestazioni erogate dalle Rsa gestite dalla società Sgas - Sviluppo e gestione di attività sanitarie Srl.

Sale la tensione tra i lavoratori e il sindacato non esclude che possa sfociare in manifestazioni di protesta nei confronti della Regione.   

Nella sua missiva, indirizzata per conoscenza anche al Direttore del Dipartimento Promozione della Salute, Vito Montanaro, e al presidente del Comitato Sepac, Pantaleo Caroli, il segretario generale della Federazione italiana Autonomie locali e Sanità ripercorre le tappe della vertenza.

A seguito della decisione dell’azienda di avviare la procedura di licenziamento per cessazione attività, il Comitato regionale per il monitoraggio del sistema economico produttivo e delle aree di crisi ha convocato, il 23 aprile scorso, un’apposita riunione presso la Presidenza della Giunta regionale, per analizzare le motivazioni e individuare eventuali soluzioni che scongiurassero i licenziamenti.

All’incontro parteciparono il vice presidente della Giunta regionale, Raffaele Piemontese, l’allora assessore alle Politiche della Salute e l’assessore allo Sviluppo Economico, oltre alle direzioni generali delle Asl di Foggia e Lecce.

In quella sede, era stato assunto l’impegno a convocare un tavolo regionale di confronto che, “purtroppo, alla data odierna non è stato mai convocato”, evidenzia Mincuzzi.

La società Sgas ha, invece, convocato le organizzazioni sindacali un mese fa, il 16 maggio, ultimo giorno della consultazione sindacale prevista dalla procedura. L’incontro si era concluso con la sottoscrizione di un verbale di mancato accordo, “non essendosi materializzata alcuna novità in ordine agli impegni assunti dall’istituzione regionale”, ricorda la Fials Puglia.

Terminata la fase di consultazione sindacale, è partita la fase amministrativa, che dura 45 giorni al massimo. Spirato anche quest’ultimo termine, Sgas srl potrà comunicare il licenziamento del personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziamenti imminenti nelle Rsa 'San Raffaele': sale la tensione sociale, lavoratori pronti a manifestare
FoggiaToday è in caricamento