Dipendenti demansionati e retrocessi, Sgarro accusa Tekra: "È come dire a un calciatore di fare il magazziniere"

Due giorni fa, l'allarme del consigliere comunale che accusava l'azienda di voler licenziare 7 dipendenti. L'azienda ha smentito precisando che per alcuni lavoratori si è proceduto con il demansionamento. La controreplica: "Tekra non prenda in giro la città"

“È come dire a un calciatore vai a fare il magazziniere: a quale scopo? Nella lettera ai dipendenti TEKRA si parla di (pesante) demansionamento e retrocessione di livelli? Con quale obiettivo si stanno umiliando delle professionalità? Cerchiamo di non scherzare”. Commenta così il già consigliere Tommaso Sgarro alla replica di TEKRA alle sue dichiarazioni, di alcuni giorni fa in cui accusava l’azienda di voler licenziare 7 dipendenti.

“Ciò che omettono di dire – continua Sgarro – è che: 1. Il corrispettivo TARI copre comunque per intero il costo del servizio compresi salari e stipendi. Costo su cui hanno addirittura offerto un ribasso del 2,75%. 2. Che l’azienda ha avuto un solo incontro con i sindacati e per giunta affatto proficuo. Tanto è vero che i sindacati difronte alla volontà di Tekra di individuare esuberi, hanno interrotto le trattative e chiesto un incontro con la proprietà. Non risulta da allora esserci stato nessun aggiornamento. 3. Non risulta essere mai stato presentato un piano organico di riorganizzazione da discutere con le organizzazioni sindacali. 4. Nessuna indicazione dei criteri e dei motivi per cui sei dipendenti sono stati destinati presso Comune e Consorzio, né la definizione dei criteri per il ridimensionamento. Insomma, un autentico guazzabuglio”.

“Tekra non può prendere in giro una città che sul ciclo dei rifiuti sta già pagando un prezzo altissimo a causa della commissariata amministrazione Metta. Non corrisponde al vero che l’azienda abbia effettuato il passaggio di cantiere sulla base di un personale inizialmente tarato per un’area più ampia di quella comunale e adibita a servizi differenti rispetto a quelli di aggiudicazione. Quale fosse l’area, più piccola rispetto a quella servita da SIA e quali fossero i servizi, Tekra lo sapeva al momento dell’offerta. All’azienda chiediamo un passo in dietro nell’interesse di tutti. Eventuali situazioni di difficoltà vanno affrontati non con la perentorietà, ma anzitutto con la concertazione”, conclude Sgarro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Blitz antidroga nell'alto Tavoliere: una dozzina di arresti e perquisizioni nell'operazione 'Jolly'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento