Vieste fa l’amore con Manfredonia: il Comune firma l’ingresso in ASE

Il Comune di Vieste entra a far parte della società in house della Città di Manfredonia “a testimonianza dell’eccellente lavoro che stiamo realizzando” dice il sindaco Riccardi

Il Comune di Vieste e quello di Manfredonia

Il Comune di Vieste entra nell’Azienda Servizi Ecologici, società in house di Manfredonia. La firma dell’atto notarile ieri mattina a Palazzo San Domenico. L’ingresso di Vieste è stato accolto così dal sindaco di Manfredonia Riccardi: “Un momento storico a testimonianza dell’eccellente lavoro che stiamo realizzando con l’amministratore unico Francesco De Feudis ed il direttore Giuseppe Veluzzi”. L’aumento di capitale sociale dell’ASE, attraverso il quale si sancisce l’ingresso nella società in house del Comune di Vieste, è di circa 50mila euro, pari ad altrettante quote, con un sovraprezzo azioni di €27.179,94.

Aggiunge un soddisfatto Riccardi: “Una nuova sede, innanzitutto, poi nuova linfa, nuove idee, nuove progettualità, nuove forme di partecipazione collettiva: sono prerogative del nuovo, è proprio il caso di ripeterlo, corso intrapreso dall’ASE, un’azienda che si è andata consolidando nel tempo, che ha acquisito professionalità e, di conseguenza, affidabilità e credibilità, così tanto da essere giunti all’odierno ingresso di un socio importante quale è il Comune di Vieste”.

A margine dell’assemblea svoltasi nel suo ufficio in presenza della notaia Maria Emilia Rizzo Corallo, con la sindaca di Vieste Ersilia Nobile, l’amministratore, il primo cittadino sipontino lo ha definito “un riconoscimento rilevante, uno sprone ed anche una sfida. A Vieste, d’estate, si registrano presenze record di turisti e servirà garantire il servizio di igiene urbana nel miglior modo possibile: un banco di prova che la nostra azienda dovrà saper superare”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiosa il sindaco di Manfredonia: “I tagli subìti dalle amministrazioni locali hanno creato serie difficoltà in tante città, anche in materia di igiene urbana. Abbiamo visto tutti cosa succede, in centri non molto lontani da noi, quando viene meno la raccolta dei rifiuti. La nostra ASE stessa fu chiamata, come qualcuno forse ricorderà, per dare una mano nell’emergenza che si verificò nel dicembre 2012 a Foggia. Occorre, perciò, fare rete tra comuni, laddove ve ne siano le condizioni, soprattutto nei servizi di primaria importanza”. Ed è questa la ragione per cui da ieri, 13 gennaio 2016, seppur la città di Manfredonia detenga più del 95% della società, l’ASE non ha più un solo socio, ma due.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento