Economia

Incentivi non pagati ai lavoratori dell'Istituto Zooprofilattico: proclamato lo stato d’agitazione

I sindacati hanno chiesto al Prefetto di convocare le parti nell'ambito delle procedure previste, “al fine di evitare l’inasprimento della vertenza”.

FP Cgil e Cisl FP, segreterie territoriali dei lavoratori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia, hanno proclamato lo stato di agitazione al deliberato dell'assemblea generale dei dipendenti dell’Istituto di Foggia, convocata dalle rappresentanze sindacali aziendali, svoltasi il 15 novembre per discutere del pagamento dell'incentivazione dell'anno 2015.

Si legge nella comunicazione inviata al Prefetto di Foggia, ai presidenti della Puglia e della Basilicata e al rappresentante legale dell’Istituto, dai segretari generali di FP CGIL e CISL FP di Foggia, Mario La Vecchia e Giovanni Dalessandro, che “lo stato di agitazione si è reso necessario a seguito della comunicazione del presidente del Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2016 (prot. n. 21536) e per il perdurare di difficoltà gestionali e burocratiche nel governo dell'Ente che - ad avviso dei sindacati e dei dipendenti - non devono e non possono essere d’ostacolo al riconoscimento di istituti contrattuali economici volti a premiare il contributo al raggiungimento degli obiettivi prefissati ed a rendere apprezzabili le prestazioni erogate dall'Istituto Zooprofilattico sul territorio e non solo”.

Per FP CGIL e CISL FP “questo ritardo nel pagamento delle competenze accessorie, riferite alla produttività collettiva, stride con l'asserito intento dell'Ente di ritenere ‘strategico, oltre che doveroso, premiare, anche attraverso un adeguato riconoscimento di natura economica, l'impegno e l'operosità del personale’.

Sottolineano La Vecchia e Dalessandro: “E' opportuno segnalare in proposito che tale giusto e sacrosanto riconoscimento lo si fa con fondi contrattuali, per loro natura riservati e diretti ad incentivare il personale; all'Istituto spetta soltanto verificare il raggiungimento degli obiettivi e la valutazione della performance individuale di ciascuno”.

L'assemblea dei lavoratori ha dato mandato alle segreterie di FP CGIL e CISL FP di programmare, in mancanza di un accordo tra le parti, “una serie di iniziative volte a sostenere la vertenza, rispetto alla quale è stato auspicato un celere e risolutivo intervento delle Istituzioni competenti diretto a scongiurare l'inasprimento del conflitto”. A tal fine i sindacati hanno chiesto al Prefetto di convocare le parti nell'ambito delle procedure previste, “al fine di evitare l’inasprimento della vertenza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incentivi non pagati ai lavoratori dell'Istituto Zooprofilattico: proclamato lo stato d’agitazione

FoggiaToday è in caricamento