Con “Idea Factory” il Gal Meridaunia scommette sui talenti: “Costruiamo capitale umano”

Presentata l’Idea factory che fa capo all’incubatore Idea srl di Candela, e che raggruppa partner importanti come GAL Meridaunia, Confagricoltura Puglia, D-Campus srl, Università del Molise, associazione Terra Promessa, associazione Irsef, consorzio A.a.ster srl di Milano e IA Trade srl

Dall'idea di business alla creazione e sviluppo di un'impresa vera e propria. Con questo obiettivo la Regione Puglia, attraverso l'ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione, presenta “Idea Factory” "Estrazione dei Talenti", che intende potenziare le competenze di aspiranti imprenditori, in modo che le loro startup abbiano maggiori possibilità di successo. In tutta la Puglia sono 24 le factory, 3 in provincia di Foggia. Ieri mattina presso la sede dell’amministrazione provinciale, è stata presentata alla stampa l’Idea factory che fa capo all’incubatore Idea srl di Candela, e che raggruppa partner importanti come GAL Meridaunia, Confagricoltura Puglia, D-Campus srl, Università del Molise, associazione Terra Promessa, associazione Irsef, consorzio A.a.ster srl di Milano e IA Trade srl. Ad illustrare i contenuti del progetto sono intervenuti l’amministratore di Idea e presidente del GAL Meridaunia, Alberto Casoria, e il coordinatore dei servizi della Factory, Gerardo Fascia.

“Noi – spiega Fascia – forniremo una serie di servizi di accompagnamento con il coinvolgimento di elevate professionalità. Questa è una iniziativa che rappresenta un cambio di paradigma a livello generale, finalmente si inizia a capire l’importanza di sostenere il capitale umano più che quello materiale. Un progetto che farà sicuramente bene alla Capitanata, al sud in generale e ai Monti Dauni, area svantaggiata rispetto al resto della Puglia dove si lavorerà per sviluppare iniziative di impresa in grado di sostenere quei servizi che vanno sempre più diminuendo”.

I potenziali fruitori sono team composti da tre individui di ogni età, non necessariamente disoccupati. La domanda va presentata sulla piattaforma dell’ARTI – Regione Puglia che a sua volta valuterà le domande, e in caso di giudizio positivo, gli aspiranti startupper potranno scegliere tra tutte le factory selezionate, quella che meglio si addice alle proprie aspirazioni.  La durata prevista è di 300 ore per ogni team. La Regione Puglia ha stanziato complessivamente 10 milioni di euro, mentre il sostegno massimo per ogni team è di 24 mila euro. “Questo è un grande progetto, un progetto sensato - ha aggiunto il presidente di Meridaunia, Alberto Casoria. Per la prima volta formeremo tutti quei ragazzi che hanno delle idee e che vogliono rimanere sui Monti Dauni o in Capitanata per avviare un’attività imprenditoriale. La forza di questo progetto è l’innovazione. Con Idea Factory mettiamo un altro tassello con l’obiettivo di facilitare la cultura d’impresa”. Alla conferenza di oggi sono intervenuti anche Carla Calabrese (IRSEF), Antonio Stasi (Terra Promessa) e Maurizio Prosperi (IA Trade Srl). Gli incontri proseguiranno venerdì 20 a Deliceto (ore 17,30 Sala Europa) e a Orsara di Puglia mercoledì 25 settembre (ore 17,30 Abbazia Sant'Angelo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento