Grano e glifosato, a Torremaggiore si discute degli effetti sulla salute

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Torremaggiore (FG). “Grano e glifosato, quali prospettive per la salute dei cittadini”, questo il titolo del convegno che si è tenuto ieri 19 dicembre presso la sala convegni “Odissea” organizzato dalla sezione cittadina di GAIA-L’Altritalia Ambiente grazie all’impegno del vicepresidente nazionale Ruggiero Del Grosso. Durante il convegno è emersa chiaramente la preoccupazione circa le quantità di disserbante utilizzato, specie nelle coltivazioni estere, e le conseguenze del mix di disserbanti e fertilizzanti impiegati, sulla salute dell’uomo e sull’impatto che hanno sull’intero ecosistema.

Hanno partecipato all’iniziativa il presidente nazionale di GAIA-L’Altritalia Ambiente Renato Narciso, venuto appositamente da Roma, l’avvocato Marco Faccareta, della costituenda sezione comunale di San Severo, l’avvocato Luca Ficuciello, noto ambientalista locale, Soccorsa Chiarappa, rappresentante di un’altra associazione ambientalista, Maria Luisa Amoroso, simpatizzante dell’associazione e sorella del compianto Marcello, storico ambientalista pugliese, gli agronomi Nazzario D’Errico e Giovanni Pellegrino, il dottor Giovanni De Matteis, esperto in energie alternative e Ruggiero Del Grosso. La senatrice Gisella Naturale invece, ha inviato un messaggio scusandosi per non fare in tempo a giungere da Roma a causa del maltempo. Francesco Divella, ex senatore e ad dell’omonimo pastificio invece, ha inviato una lettera scusandosi di non poter essere presente e contenente alcune sue considerazioni sull’argomento. “A breve - ha concluso il presidente nazionale Renato Narciso – torneremo sull’argomento, mediante un nuovo convegno che contiamo di svolgere prima di Pasqua, nel frattempo ringrazio Ruggiero Del Grosso per l’impegno profuso nel realizzare tale iniziativa, i relatori e i partecipanti”.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento