rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Economia Carapelle

Grandinata e inondazione, danni irreversibili a colture e viabilità: Carapelle chiede lo stato di calamità

La violenta grandinata del 7 settembre ha provocato enormi danni. L'amministrazione si è rivolta alla Regione Puglia

La devastante grandinata del 7 settembre e la conseguente inondazione hanno provocato danni irreversibili alle colture ed alla viabilità nel circondario e nel Comune di Carapelle.
Per questo motivo l’amministrazione comunale ha deciso di chiedere alla Regione Puglia lo stato di calamità naturale. La grandine e l’acqua hanno provocato ed accentuato una situazione di dissesto in località “Perazzitiello” con formazioni di buche che impediscono il regolare transito di autoveicoli.
Nelle aziende agricole del circondario sono stati registrati gravi danni alle coltivazioni di pomodoro, uva da tavola e da vino, carciofi, asparagi, broccoli, colonna portante dell’economia della zona così come gli uliveti, che hanno subito ingenti danni pari al 70% dell’intera coltura. Con l’erosione delle arterie del traffico, inoltre, sono stati messi a repentaglio alcuni servizi essenziali.
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandinata e inondazione, danni irreversibili a colture e viabilità: Carapelle chiede lo stato di calamità

FoggiaToday è in caricamento