rotate-mobile
Economia

A Foggia 740 domande per una casa popolare: pronta la graduatoria provvisoria, 392 esclusi

Più dell'80% delle istanze eliminato per una dicitura mancante. I commissari volevano riaprire i termini del bando

È stata approvata e pubblicata la graduatoria provvisoria degli aventi diritto all’assegnazione in locazione semplice degli alloggi di edilizia residenziale pubblica disponibili o che si renderanno disponibili nel comune di Foggia, stilata sulla scorta delle domande di partecipazione al Bando generale n. 7, indetto il 13 dicembre 2021.

Sono 740 le istanze presentate alla scadenza del 28 gennaio. A seguito dell’istruttoria, sono state ammesse 348 domande e 392 sono state escluse. Più dell’80% sono state eliminate per lo stesso motivo: ‘Mancanza di dichiarazione sottoscritta su documento di riconoscimento - Art. 5, comma 4 del Bando Ero n.7/2021’. In calce alla fotocopia del documento di riconoscimento, l’aspirante assegnatario, “a pena di inammissibilità della domanda”, doveva riportare una dicitura, datata e sottoscritta, con cui si assumeva la responsabilità di quanto dichiarato, consapevole delle responsabilità penali in caso di dichiarazioni o produzione di atti mendaci. La stessa sforbiciata era stata operata a marzo alle domande presentate per l’assegnazione del contributo fitti relativo all’annualità 2020. Le istanze di partecipazione sono state acquisite tramite una piattaforma telematica, che gestisce i servizi a domanda in maniera automatizzata, “per garantire l’efficienza e celerità del procedimento relativo all’approvazione della graduatoria provvisoria”, come riportato nella determina a firma di Silvana Salvemini, dirigente del Servizio Politiche Abitative ora incardinato nell’Area 1 – Amministrativa, responsabile del procedimento. 

Entro trenta giorni successivi alla data di scadenza del termine di pubblicazione della graduatoria provvisoria, che resta affissa all’albo pretorio e sul sito istituzionale per trenta giorni, si possono presentare richieste motivate e documentate di un parere alla Commissione Provinciale e chiedere che venga riesaminato il punteggio. La pubblicazione della graduatoria provvisoria ha valore di notifica agli interessati, si segnala nella determina di approvazione. 

“Considerato che il fabbisogno abitativo della città di Foggia è in costante evoluzione a seguito della condizione di disagio economico-sociale dei nuclei familiari, attualmente acuita dall’epidemia Covid19, si riserva la facoltà di pubblicare bandi integrativi nell’arco del quadriennio di validità della graduatoria di assegnazione, così come espressamente previsto dall’art. 7 della legge regionale 10/2014”, si legge nello stesso atto.

Proprio nel giorno della pubblicazione della graduatoria provvisoria, Sunia Cgil, Sicet Cisl, Uniat-Uil e Assocasa chiedevano a che punto fosse l’iter con una nota congiunta, perché non avevano più ricevuto notizie dopo un incontro a maggio. Dai sindacati si apprende come la commissione straordinaria del Comune di Foggia fosse intenzionata a riaprire i termini di partecipazione al bando, proposta contestata dalle organizzazioni che la consideravano “totalmente inappropriata”. Le organizzazioni sindacali temevano, infatti, che potessero innescarsi “meccanismi di disparità trai concorrenti della graduatoria stessa” e contenziosi con “conseguenti gravi ritardi nelle assegnazioni”.

La graduatoria provvisoria del precedente bando del 2016 venne approvata quatto anni dopo, e solo a luglio del 2021 è stata pubblicata quella definitiva con 706 aventi diritto, in attesa di una casa popolare. Quando sarà approvata la graduatoria definitiva relativa al bando generale n. 7, la precedente del bando 2016 non sarà più valida.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Foggia 740 domande per una casa popolare: pronta la graduatoria provvisoria, 392 esclusi

FoggiaToday è in caricamento