"Rispettare i tempi previsti per la retribuzione di posizione variabile per dirigenti medici e sanitari degli Ospedali Riuniti e pensare a un premio aziendale per tutti gli operatori”

La proposta: "Sarebbe una risposta forte se tutte le aziende sanitarie destinassero una somma forfettaria, dal proprio bilancio aziendale, a tutti i lavoratori"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Consapevoli del senso di responsabilità, della competenza e della professionalità che caratterizzano l’operato del direttore generale del Policlinico Riuniti, Vitangelo Dattoli, chiediamo che siano rispettati i tempi previsti per l’erogazione della retribuzione di posizione variabile per dirigenti medici e sanitari”.

In guerra contro il Coronavirus, ma beffa per medici e operatori sanitari dei Riuniti: la busta paga di marzo è più "leggera" 

A dichiararlo il Segretario Generale della UIL FPL FOGGIA, Gino Giorgione che, in merito alla questione, aggiunge: “nell’ultima riunione sindacale tenutasi prima delle restrizioni COVID fu evidenziato dal Direttore Amministrativo che il calcolo tra recuperi e nuove erogazioni derivanti dal nuovo Contratto collettivo avrebbe potuto determinare il ritardo di una mensilità. Eravamo consapevoli di questi ritardi ora, però, ci preme che la tempistica definita sia rispettata in modo da garantire quanto stabilito per contratto a chi tutti i giorni lotta in prima linea contro il Coronavirus".

"E a questo proposito è giusto tributare ancora e sempre un grandissimo ringraziamento a tutti gli operatori di tutte le strutture sanitarie, nessuna esclusa, per il lavoro straordinario che stanno facendo. Sarebbe una risposta e un forte riconoscimento e ringraziamento se tutte le aziende sanitarie, pubbliche e private ed in piena autonomia, destinassero una somma forfettaria, dal proprio bilancio aziendale, a tutti i lavoratori per gli enormi sacrifici che stanno facendo e per i grossi rischi che stanno correndo. Questo è il momento di dimostrare con i fatti e non con le chiacchiere che sono Angeli. Auspichiamo una risposta e sensibilità a una richiesta, la nostra, non dettata da motivi ideologici o strumentali ma da precisa consapevolezza della delicatezza della situazione attuale. Grazie di cuore!”.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento