Economia

Quest'estate si vola, Foggia pronta a decollare e due compagnie interessate: "Ci sono tutte le condizioni per ripartire"

Gino Lisa operativo a luglio. Lo ha annunciato il direttore generale di Aeroporti di Puglia Marco Catamerò, intervenuto nel corso della conferenza Boarding Now. Tra le ultime criticità il periodo di copertura del servizio della torre di controllo

Se il Ciga, Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche, pubblicherà le nuove procedure di volo il 22 aprile, "il 15 luglio l'aeroporto Gino Lisa di Foggia sarà operativo a tutti gli effetti". Lo ha annunciato il direttore generale di Aeroporti di Puglia Marco Catamerò, intervenuto nel corso della conferenza Boarding Now, organizzata dal Comitato Vola Gino Lisa, presieduto da Sergio Venturino, che per la prima volta ha riunito operatori turistici, compagnie aeree, Confindustria, Consorzio Asi, Università, Aeroporti di Puglia, parlamentari e istituzioni. Ospiti dell'incontro il comico Uccio De Santis, il vincitore di Sanremo Giovani Luca Gaudiano e la violinista Dea De Feo.

I lavori di allungamento della pista sono quasi completati, ora è lunga 1735 metri più 150 per il decollo. 

"L'Aeroporto di Foggia usufruisce del Sieg - ha ricordato il Dg di Aeroporti di Puglia - ha una destinazione importantissima che è quella fondamentale come base logistica della Protezione Civile ma nel frattempo è chiaro che si guarda all'attività commerciale, all'attività di chartering, anche quella connessa al turismo religioso".

E aggiunge un tassello al dibattito, sull'aviazione generale. "Noi abbiamo già fatto un bando che è stato pubblicato e abbiamo già avuto la manifestazione di interesse da parte di due compagnie che danno la disponibilità per fare questo tipo di attività. L'aviazione generale è rappresentata, per capirci, dagli aeromobili dei privati che magari non danno la sensazione di grossi numeri di passeggeri ma portano ricchezza". Attività già presenti nell'aeroporto del Salento a Brindisi, nello scalo di Bari e da quest'anno nell'aeroporto di Grottaglie. In Aeroporti di Puglia, ha precisato il direttore generale, le vocazioni dei diversi scali "si devono integrare per evitare sovrapposizioni".

Ci sono ancora una serie di criticità, ha ammesso Catamerò: una su tutte, il servizio che svolge la torre di controllo. "Abbiamo già inoltrato all'Enav una nota nella quale chiedevamo l'allungamento del periodo di copertura di questo servizio che sarà sicuramente concesso, ma sul quale dobbiamo lavorare tutti insieme. Ci sono tutte le condizioni per poter ripartire".

Dal quadro economico dei lavori del Gino Lisa, ha fatto sapere, sono risultati importi residui che saranno investiti sia per l'adeguamento dei piazzali degli aeromobili che per un piccolo restyling del terminal ormai vetusto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quest'estate si vola, Foggia pronta a decollare e due compagnie interessate: "Ci sono tutte le condizioni per ripartire"

FoggiaToday è in caricamento