rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Economia

Non c’è posto per i trovatelli di Foggia: a vuoto la ricerca di un canile sanitario

Nessun privato si fa avanti per l’affidamento del servizio di mantenimento e ricovero dei cani in una struttura autorizzata. Fallisce anche l'ultima gara bandita a febbraio

È andata deserta l’ultima gara per l’affidamento del servizio di mantenimento e ricovero dei cani in una struttura autorizzata come canile rifugio e sanitario a Foggia per tre anni. Il Comune inanella un altro flop e non riesce a svuotare il canile di via Manfredonia.

L’apertura delle buste era prevista per oggi, ma alla scadenza fissata a venerdì 1 aprile non è arrivata alcuna offerta. Il bando di gara era stato pubblicato il 25 febbraio scorso. In due anni sono miseramente falliti almeno tre tentativi. È il Servizio Sociale e Prevenzione ad occuparsi della procedura, rup la dirigente Silvana Salvemini.

Era già stata impegnata la somma di 723.386 euro, ma l’esito appariva alquanto scontato anche a giudicare dalle osservazioni delle associazioni animaliste. A quelle cifre, l’operazione non sarebbe economicamente sostenibile. “Con importi di questo genere non è possibile gestire adeguatamente il servizio facendo gli interessi degli animali”, aveva dichiarato in un’intervista rilasciata a FoggiaToday Stefania Cassitti, presidente dell’associazione ‘A Largo Raggio’ che si occupa della gestione del fatiscente canile comunale dal 2015, in regime di proroga fino a maggio. La struttura, che non può più ospitare cani dopo il sequestro del 2016, cade a pezzi e non è detto che sia disposta ad andare avanti. Sulla gestione del randagismo, pare non ci sia alcuna forma di dialogo tra le associazioni e il Comune.

In virtù di una convenzione sottoscritta con l’Enpa a fine 2021, intanto, cinque box nel canile sanitario di San Severo ospitano trovatelli di Foggia. Nelle more della realizzazione di un canile rifugio-sanitario in località Quadrone delle Vigne, progetto da 2 milioni di euro che prevede il recupero e la rifunzionalizzazione di una vecchia area produttiva di proprietà comunale, a Palazzo di Città avevano rimaneggiato il capitolato per trovare una struttura idonea ad ospitare almeno 120 cani e aveva alzato l’importo a base d’asta di meno di 80mila euro. Peraltro, si menzionava anche l’attività di recupero e protezione dei gatti randagi. Ma nessun privato si è fatto avanti e il dirigente del Servizio Contratti e Appalti, Francesco Paolo Affatato, non ha potuto far altro che firmare la presa d’atto della diserzione della procedura di gara.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non c’è posto per i trovatelli di Foggia: a vuoto la ricerca di un canile sanitario

FoggiaToday è in caricamento