menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Colture danneggiate da maltempo

Colture danneggiate da maltempo

Agricoltura, danni da maltempo: come accedere al fondo di solidarietà nazionale per le 'gelate' del marzo scorso

C'è tempo fino al 6 febbraio 2021 per inoltrare la domanda. Le colture interessate sono grano duro, grano tenero, altri cereali, leguminose, ortaggi, olivo, uva da tavola, uva da vino, fruttiferi

Gelate dei mesi di marzo e aprile 2020, anche le aziende di Carapelle possono avere accesso al Fondo di solidarietà nazionale.

Con la pubblicazione del Decreto Ministeriale di Declaratoria dell’esistenza del carattere di eccezionalità degli eventi calamitosi di marzo e aprile 2020 nei territori delle Province di Bari, Bat e Foggia, anche le aziende agricole di Carapelle avere accesso al Fondo di Solidarietà Nazionale. 

C'è tempo fino al 6 febbraio 2021 per inoltrare la domanda. Le colture interessate sono grano duro, grano tenero, altri cereali, leguminose, ortaggi, olivo, uva da tavola, uva da vino, fruttiferi.

Al fine di favorire la ripresa economica e produttiva delle imprese agricole, possono essere concesse le seguenti provvidenze: contributi in conto capitale fino all’80% del danno accertato sulla base della produzione lorda vendibile media ordinaria da calcolare.

Prestiti ad ammortamento quinquennale per le esigenze d’esercizio dell’anno in cui si è verificato l’evento dannoso e per l’anno successivo; proroga delle operazioni di credito agrario definite dall’articolo 7 del D.lgs 102/2004; agevolazioni previdenziali definite dall’articolo 8 del D.lgs 102/2004.

Gli interessati possono presentare domanda di concessione dei benefici all’Ufficio competente comunale con indicazione delle provvidenze richieste, nell’ambito di quelle indicate dal Decreto Ministeriale utilizzando i seguenti modelli: richiesta benefici per calamità atmosferica e dichiarazione sostitutiva atto di notorietà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento