Il Parco del Gargano cofinanzia l’Iva ai Comuni per i lavori forestali

Di oltre 1 milione di euro la somma corrisposta dal parco ai comuni. Superiore ai 5 milioni quello riconosciuto dalla Regione Puglia

il presidente Stefano Pecorella

L’Ente Parco Nazionale del Gargano è risultato decisivo nello sblocco dei fondi regionali per i progetti del FESR-PSR (Piano di Sviluppo Rurale) ai Comunità dell’Area Protetta, contribuendo in maniera determinate con il cofinanziamento dell’IVA sui progetti. 1.001.849,56 di euro, oltre 2 miliardi delle vecchie lire. Questa la somma che il Parco Nazionale del Gargano ha erogato ai 17 comuni della sua comunità risultati vincitori di uno specifico bando PSR (Piano di Sviluppo Rurale) della Regione Puglia.

L’importo, complessivamente riconosciuto dalla Regione ai Comuni, è pari a 5.059.027,05 euro, una somma del tutto insufficiente per l’avvio dei lavori. Per questo l’Ente Parco ha deciso di esprimere la vicinanza alle amministrazioni comunali con un contributo economico senza il quale la maggior parte dei progetti non avrebbe potuto vedere la luce. La somma stanziata dal Parco servirà per il cofinanziamento dell'IVA, in misura massima del 70% del totale effettivamente sostenuto.  

“Era da oltre dieci anni che il tesoretto non veniva assegnato - dichiara il Presidente, l’Avv. Stefano Pecorella - Eppure si trattava di progetti attesi e fondamentali per la nostra Area Protetta, interventi sulla Gestione Forestale Sostenibile che permetteranno di conseguire molteplici obbiettivi tra cui la prevenzione degli incendi boschivi, la qualificazione e l'aumento della biodiversità, l'aumento dell'efficienza regimante dei boschi, la valorizzazione del patrimonio ambientale e la sua fruibilità.

Ma - aggiunge Pecorella - dal finanziamento regionale rimaneva escluso l'importo dovuto per l'IVA, un elemento che rappresentava un costo non recuperabile per le pubbliche amministrazioni che già versano in grave difficoltà economiche. I progetti approvati, dunque, rischiavano seriamente di rimanere nel cassetto, con una conseguente ricaduta negativa sulla crescita occupazionale nei Comuni interessati e rendendo vana la valorizzazione di una filiera sostenibile bosco-legno che metterebbe, di fatto, fuori gioco l’abusivismo ed i reati ambientali.

Con questo impegno - conclude il presidente - l'Ente Parco si dimostra ancora una volta vicino alle esigenze delle amministrazioni comunali e contribuisce con azioni concrete a tutelare il patrimonio naturalistico\paesaggistico, a migliorare sensibilmente la fruizione del territorio e la qualità della vita dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • "Irresponsabile incoraggiare la didattica in presenza". Appello di Emiliano al mondo della scuola. "La mia non è una crociata"

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

Torna su
FoggiaToday è in caricamento