Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia Mattinata

Nel 2023 arriva la fogna nella Piana di Mattinata: "La comunità aspettava questa infrastruttura da almeno vent'anni"

Aqp e Regione Puglia hanno investito complessivamente più di 8 milioni di euro per il completamento del servizio idrico integrato nel comune garganico e per l'adeguamento dell'impianto di depurazione

Acquedotto Pugliese e Regione Puglia investono complessivamente oltre 8 milioni di euro per completare il servizio idrico integrato nella Piana di Mattinata e per l'adeguamento dell'impianto di depurazione. Gli interventi sono stati presentati ieri sera in un incontro pubblico in piazza, sul belvedere affacciato proprio sulla Piana di Mattinata che sarà attraversata dai lavori di ampliamento della rete fognaria.

Il vicepresidente della Regione Puglia e assessore alle Infrastrutture e Risorse idriche, Raffaele Piemontese, l'ha definita "una giornata storica": "Dopo tantissimi anni, portiamo la rete della fogna nera nella Piana di Mattinata che si attendeva da decenni".

La Regione ha stanziato dai fondi Por una parte importante dei 5.200.000 euro per portare sei chilometri di fognatura nelle zone periferiche, intervento approvato la scorsa settimana. "I lavori cominceranno nel 2022 - il progetto è in via di completamento - e si concluderanno nel 2023 - ha spiegato Francesca Portincasa, coordinatrice industriale e dei servizi tecnici di Acquedotto Pugliese - Mentre nel 2024 saranno completati i lavori per l'adeguamento dell'impianto di depurazione che avrà anche le coperture, in modo tale da non creare molestie olfattive. Sarà potenziato e sarà reso tecnologicamente avanzato al pari degli altri 183 depuratori che Acquedotto Pugliese gestisce". Per la depurazione sono stati stanziati 2.800.000 euro.

"La fogna nella Piana a Mattinata è quanto di meglio si potesse aspettare questo territorio: una infrastruttura che la mia comunità aspetta da due decenni almeno. Finalmente, grazie alla collaborazione fattiva con la Regione Puglia, l'Acquedotto Pugliese, l'Autorità Idrica Pugliese questa piana vedrà riconosciuto un diritto", ha detto il sindaco di Mattinata, Michele Bisceglia.

Le strade che saranno allacciate alla rete fognaria sono le contrade Funni, Liberatore, Vignanotica e Torre del Porto, per un totale di 4 chilometri e 400 metri di nuove reti, a cui si aggiungono 2 chilometri e 300 metri di condotte prementi, di collegamento, quindi, agli impianti di sollevamento, e 3 nuovi impianti di sollevamento fognario, necessari per superare le difficoltà legate alla particolare morfologia della zona e all’ubicazione dell’impianto di depurazione a una quota altimetrica maggiore rispetto alle aree da servire. 

Per quanto concerne il servizio di depurazione, Aqp ha redatto il progetto definitivo di adeguamento dell’impianto: i lavori riguardano la linea acque e la linea fanghi e l’installazione di coperture sulle stazioni più odorigene.

"È un'opera importante perché unitamente all'adeguamento dell'impianto depurativo si completa il ciclo unico idrico già cominciato con la condotta sottomarina nel lontano 2004, quando avevamo salvato dal divieto di balneazione la spiaggia di Mattinata", ha detto il direttore generale dell'Autorità Idrica Pugliese, Vito Colucci.

"Questo territorio dal punto di vista delle infrastrutture è carente, e quindi credo che quest'opera rappresenti quello di cui i territori hanno bisogno - ha detto Michele Merla, sindaco di San Marco in Lamis e vicepresidente dell’Aip, soggetto rappresentativo dei comuni pugliesi per il governo pubblico dell'acqua - Noi sindaci che siamo all'interno del Consiglio direttivo dell'Autorità Idrica dobbiamo fare questo: aiutare i territori a infrastrutturarsi per poter fornire dei servizi. Questa è una splendida terra turistica e se non facessimo queste opere, probabilmente, rischieremmo di avere sempre meno turisti".

presentazione fogna mattinata-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 2023 arriva la fogna nella Piana di Mattinata: "La comunità aspettava questa infrastruttura da almeno vent'anni"

FoggiaToday è in caricamento