Domenica, 13 Giugno 2021
Economia

A Foggia alcolici banditi anche nei giorni arancioni: Landella scoraggia gli 'aperitivi da asporto'

Altra stretta con l'ultima ordinanza firmata il 23 dicembre. Sono state apportate, inoltre, alcune correzioni alle misure del 17 dicembre per le festività, aggiungendo al novero delle attività anche friggitorie, pizzerie e rosticcerie

A Foggia, anche nei giorni 'arancioni', sarà vietato l'asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 11 alle 6 per tutti gli esercizi di ristorazione e per i distributori automatici. L'inasprimento delle restrizioni arriva dall'ultima ordinanza firmata dal sindaco Franco Landella all'antivigilia, la numero 104 del 23 dicembre. Ha così integrato l'ordinanza numero 101 del 17 dicembre, che detta le misure di contenimento del contagio per il periodo delle festività natalizie, di fine anno e inizio 2021.

La nuova disposizione prevede che nei giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio vige il divieto assoluto di asporto di sole bevande e superalcoliche a decorrere dalle ore 11 sino alle ore 6 del giorno successivo per bar, pub, ristoranti, pizzerie, rosticcerie, friggitorie, gelaterie, pasticcerie e distributori automatici h24 di alimenti e bevande.

Tramite l'ultimo provvedimento, inoltre, il sindaco Landella ha apportato alcune correzioni alle disposizioni adottate una settimana fa: ha aggiunto pizzerie, rosticcerie e friggitorie al novero degli esercizi di ristorazione per cui vige nei giorni in zona rossa il divieto di bevande alcoliche e superalcoliche (come ulteriormente specificato) già a decorrere dalle ore 11:00, divieto valido anche per i distributori automatici h24.

Il 31 dicembre le attività di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, pizzerie, rosticcerie, friggitorie, gelaterie, pasticcerie) saranno chiuse al pubblico con divieto di asporto di alimenti e bevande a decorrere dalle 11 fino alle 6 del 1° gennaio 2021 (fatte salve le eccezioni previste dal Dpcm del 3 dicembre 2020 per la ristorazione con consegna a domicilio, nonché per le attività di ristorazione negli alberghi e nelle altre strutture ricettive, limitatamente ai servizi erogati in favore dei propri clienti che siano ivi alloggiati ed esclusivamente con servizio in camera). Saranno chiusi per lo stesso lasso di tempo anche i distributori automatici.

Come per la Vigilia di Natale, è prevista la chiusura degli esercizi commerciali al dettaglio già dalle 17, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole.

In caso di violazione delle disposizioni, le multe vanno dai 400 ai 1000 euro e per gli esercizi commerciali è prevista la chiusura temporanea con obbligo di non proseguire l’attività con conseguente segnalazione al Prefetto per l’adozione del provvedimento di chiusura da 5 a 30 giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Foggia alcolici banditi anche nei giorni arancioni: Landella scoraggia gli 'aperitivi da asporto'

FoggiaToday è in caricamento