rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Economia

La Regione finanzia master ai neolaureti pugliesi

Ci sono 15 milioni di euro. Trenta milioni in corsi di formazione per chi non ha assolto l'obbligo scolastico

“Ieri la giunta regionale, su mia proposta, ha approvato due importanti delibere tanto attese dai giovani pugliesi e dal sistema regionale della formazione professionale che, anche all’esito dell’importante percorso di ascolto e partecipazione di agenda per il lavoro, vuole correre ancora più veloce” fa sapere in una nota l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Puglia, Sebastiano Leo. “Con il primo atto, grazie ad un impegno di risorse pari a 15 milioni di euro, abbiamo dato indirizzo agli uffici competenti della sezione Formazione Professionale di predisporre e pubblicare il nuovo avviso pubblico per la concessione di voucher per la formazione post-universitaria edizione 2021-2022. Si tratta del nuovo bando che potrà finanziare i master post lauream delle ragazze e dei ragazzi pugliesi e che sarà pubblicato nelle prossime settimane, anche a seguito degli incontri di agenda per il lavoro da cui stanno emergendo interessanti contributi e nuove visioni per rendere la misura più semplice dal punto di vista burocratico e più legata alle effettive prospettive occupazionali”.

L'assessore aggiunge: “Con la seconda delibera che impegna risorse pari a 30 milioni di euro, abbiamo approvato i contenuti generali del prossimo avviso Of/2021: offerta formativa di Istruzione e Formazione Professionale - Cultura e Legalità, l’avviso della Regione Puglia con cui si sostiene lo sviluppo di percorsi formativi triennali di applicazione pratica rivolti a quei giovani che non hanno assolto l’obbligo scolastico e che optano per un percorso professionalizzante utile al conseguimento di una qualifica riconosciuta. Si tratta di uno dei principali strumenti di contrasto dell’abbandono scolastico su cui la Regione Puglia, anche alla luce della recrudescenza del fenomeno causata dalla pandemia, ha deciso di investire massicciamente con 30 milioni di euro. Tra le novità della nuova edizione lo sportello della Legalità, la salvaguardia del Patrimonio Culturale e Ambientale della Regione Puglia e il rafforzamento delle competenze digitali”.

“Prossimi alla pubblicazione – prosegue Leo – sono anche gli esiti del cosiddetto avviso diploma professionale IV anno, che consentirà ai ragazzi che hanno conseguito la suddetta qualifica triennale di IeFP l’acquisizione di un diploma professionalizzante con specifica specializzazione di Tecnico. Inoltre stiamo lavorando alla figura professionale dell’operatore socio sanitario. Se da un lato, in questi giorni, con un successivo impegno di spesa di 1 milione di euro, stiamo per pubblicare gli ulteriori elenchi dei lavoratori ammessi al corso di riqualificazione Oss e relativi enti di formazione che erogheranno il corso, dall’altro stiamo procedendo a riformare la figura stessa dell’oss, curvando verso la cosiddetta terza “S” e cioè verso un operatore socio sanitario specializzato con maggiori competenze. Infine, stiamo lavorando per modificare il regolamento regionale dell’oss in direzione di una liberalizzazione dei suddetti corsi di formazione in regime di autofinanziata e secondo le necessità espresse dal comparto salute”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione finanzia master ai neolaureti pugliesi

FoggiaToday è in caricamento