Manfredonia dice “no” al deposito Gpl. Riccardi: “Ci opporremo, consulteremo cittadini”

Il sindaco Riccardi:“ Amministrazione e coalizione di maggioranza esprimono ferma contrarietà alla realizzazione del progetto, non convinti delle argomentazioni sostenute dai rappresentanti di Energas”.

Manfredonia (Foto profilo FB Angelo Riccardi)

Non convinti delle argomentazioni sostenute dai rappresentanti di Energas, i rappresentanti dell’amministrazione comunale di Manfredonia e della coalizione di maggioranza che alle scorse comunali ha sostenuto la candidatura a sindaco di Angelo Riccardi, si oppongono alla realizzazione dell’impianto in località ‘Santo Spiriticchio’.

L’IMPIANTO DEPOSITO GPL. La tipologia dell’opera s’inquadra tra gli “impianti di stoccaggio gas combustibili” e consiste nella realizzazione del deposito costiero di GPL, costituito da 12 serbatoi di capacità complessiva di 60.000 mc e delle opere funzionalmente connesse: gasdotto di lunghezza 10 km di collegamento tra il deposito ed il pontile (del porto alti fondali) di attracco delle navi gasiere, raccordo ferroviario della lunghezza di 1800 m di collegamento del deposito alla stazione di Frattarolo.

Queste le parole del sindaco di Manfredonia. “L’insediamento del deposito di GPL desta allarme sociale, tenuto conto anche della storia economica del territorio, che ha subìto l’industrializzazione forzata con la violazione delle vocazioni territoriali da parte dello stabilimento di chimica di base che ha prodotto rischio per la salute e per l’ambiente, e inquinamento che, ancora oggi, stiamo pagando”

Aggiunge Angelo Riccardi: “Non convincono le ricadute occupazionali previste dall’intervento, molto ridotte rispetto alla dimensione dello stesso. Sono opinabili le considerazioni che si riferiscono alla piena compatibilità del progetto con la destinazione urbanistica, poiché per l’area industriale ex DI 49, il PRG vigente prevede la realizzazione di impianti non inquinanti, mentre l’intervento in questione rientra tra quelli a rischio d‘incidente rilevante”

Precisa il primo cittadino: “Inoltre, la Pubblica Amministrazione, per l’area in oggetto, col recepimento del piano di gestione delle aree naturali SIC - ZPS (delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 28/02/2009) e successivamente con l’adozione del documento programmatico preliminare per la variante di adeguamento del PRG al nuovo Piano Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR), prevede che “per l’ampia zona DI 49 a valle della S.S. 89, appare opportuno riconoscere i valori reali e attuali delle aree (destinate a zona produttiva da oltre trenta anni ma mai attuate), valorizzarne le caratteristiche e le potenzialità e rivedere la datata (e superata nei fatti) destinazione produttiva per un ritorno ad usi agricoli di qualità in coerenza dei presupposti del PPTR di valorizzazione dei paesaggi rurali caratterizzanti il territorio, di risparmio nel consumo di suolo e di recupero degli insediamenti esistenti”.

Rilancia il sindaco: “Come forze politiche di maggioranza, non ci nascondiamo dietro pareri tecnici, come altri fecero in passato, ma intendiamo riaffermare le linee programmatiche deliberate il 15 aprile 2015 dal Consiglio comunale, inerenti l’adeguamento del PRG vigente del Comune di Manfredonia al nuovo Piano Città di Manfredonia Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR). Gli obiettivi generali ivi indicati per migliorare la qualità del territorio, valorizzare i paesaggi e le figure territoriali di lunga durata, valorizzare il patrimonio identitario culturale‐insediativo, devono essere perseguiti per rispettare il paesaggio del territorio che deve vivere il proprio futuro nelle proprie vocazioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E conclude: “Intendiamo altresì far valere le ragioni del nostro Comune in seno al comitato tecnico regionale ove svolgeremo decisa azione per porre in rilievo il rischio industriale e opporci al rilascio del nulla osta di fattibilità, in quanto riteniamo il rapporto di sicurezza presentato da Energas S.p.a. non rispondente alla normativa vigente. In osservanza a quanto previsto dalla stessa normativa intendiamo consultare la popolazione che deve essere messa in grado di esprimere il proprio parere sul progetto del deposito di GPL”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento