Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia

Tares iniqua, la Confcommercio alza la voce: "Aziende non ce la fanno, momento è delicato"

Secondo l’organizzazione di categoria in molti casi e per diverse categorie imprenditoriali si parla di aumenti dell’imposta pari anche al 300/400%. Gelsomino: "E' arrivato il momento di far sentire la nostra voce"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Sulla questione Tares, la Confcommercio Imprese per l’Italia Provincia di Foggia scende in campo con tutti i suoi sindacati di categoria. Per il presidente provinciale Damiano Gelsomino, infatti, “è giunto il momento di far sentire la nostra voce in merito alla iniquità della imposta in questione”.

Secondo l’organizzazione di categoria in molti casi e per diverse categorie imprenditoriali si parla di aumenti dell’imposta pari anche al 300/400%. Una situazione che non permette a molte aziende di poter andare avanti in un momento delicatissimo per la ormai cronica crisi economica a cui si aggiunge la grandissima difficoltà, se non impossibilità, di accesso al credito.

Per questo motivo tutte le categorie si stanno riunendo a livello provinciale per individuare metodi e azioni per protestare contro l'iniquità della Tares a difesa della vita delle imprese e a difesa dei posti di lavoro che queste garantiscono.

Azioni che la Confcommercio Provinciale di Foggia concorderà anche con le singole Federazioni Nazionali di Categoria per dare maggiore risalto alle iniziative messe in campo e soprattutto per sensibilizzare il legislatore a portare ad una applicazione della tassazione consona e rispettosa di quanti svolgono onestamente il proprio lavoro imprenditoriale nel rispetto delle regole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tares iniqua, la Confcommercio alza la voce: "Aziende non ce la fanno, momento è delicato"

FoggiaToday è in caricamento