Venerdì, 29 Ottobre 2021

La crisi dell'oro rosso di Capitanata, caldo e mancanza di mezzi fanno piangere gli agricoltori: "Perdite economiche e campi non raccolti"

Il punto di Giuseppe De Filippo di Coldiretti Foggia sulla crisi del pomodoro dovuta alle temperature elevate e alla mancanza di mezzi e autotrasportatori

Sono più di uno i fattori che hanno determinato la crisi del pomodoro: "Una campagnaccia" così la definisce Giuseppe De Filippo di Coldiretti, secondo il quale il problema principale è dovuto dal caldo, per via delle elevate temperature di circa 40° di giorno e di 25° di notte: "Ha sicuramente ha accelerato la programmazione dei trapianti ma le ha messe tutte insieme a maturare creando una pressione nell'offerta". 

Quindi, secondo De Filippo, in futuro bisognerebbe far si che le industrie lavori il più velocemente possibile

Il 30% dei problemi derivano dalla mancanza di mezzi e autotrasportatori: "Sicuramente bisogna migliorare le condizioni contrattuali degli autisti". De Filippo assicura che non ci sarà un aumento dei prezzi e che il pomodoro quest'anno è di grandissima qualità. Previste perdite di 8-9 mila euro a ettaro laddove non potranno essere raccolti.

Sullo stesso argomento

Video popolari

La crisi dell'oro rosso di Capitanata, caldo e mancanza di mezzi fanno piangere gli agricoltori: "Perdite economiche e campi non raccolti"

FoggiaToday è in caricamento