Corsi di Italiano agli immigrati: il Centro linguistico di Ateneo diventa hub per l’inclusione sociale

Entra nel vivo il progetto promosso da Prefettura, Università e Asl protagoniste di una nuova stagione dell’accoglienza. Sei corsi in tutto: due in Inglese, tre in Italiano e uno in Educazione linguistica (rivolto solo agli operatori sociali e culturali): al C.L.A. ancora disponibili dei posti per l’accesso (gratuito) alle nuove conoscenze

Nell’ambito del progetto denominato “FAMI PROG-1550 / Orientamento e inclusione”, Prefettura, Università e ASL di Foggia hanno sottoscritto un importante protocollo d’intesa che si appresta a entrare nella sua piena operatività. Considerate la storica vocazione all’accoglienza della Capitanata e, soprattutto, le campagne estive di raccolta del pomodoro e dell’uva, che ogni anno richiamano migliaia di extracomunitari provenienti perlopiù da Nord e centr’Africa, la Prefettura di Foggia ha ritenuto necessario predisporre una serie di interventi formativi il cui obiettivo è migliorare le condizioni di inserimento di questi braccianti e operai stranieri. Da qui l’idea, della Prefettura di Foggia, di mettere in rete risorse economiche (quelle derivanti per l’appunto da FAMI PROG-1550; NdR), know how territoriale e sanitario, saperi e conoscenze insieme all’Università di Foggia e all’Azienda sanitaria locale di Foggia. “La rete territoriale avrà un ruolo fondamentale nell’attuazione delle diverse fasi del progetto – è specificato nel protocollo d’intesa – in particolare di quelle dell’informazione, promozione e pubblicizzazione dell’intervento, dell’analisi dei fabbisogni formativi, dell’erogazione della formazione e della diffusione dei risultati del progetto”.

L’Università di Foggia partecipa al progetto attraverso l’attivazione di percorsi formativi organizzati dal Centro Linguistico di Ateneo (diretto dal prof. Christopher Williams, coordinato dalla dott.ssa Maria Pellegrino) e dal Laboratorio di bilancio di competenze (coordinato dalla prof.ssa Isabella Loiodice), quindi attraverso la realizzazione di un’applicazione per piattaforma informatica Telegram denominata “Infomigranti”, per fornire informazioni multilingua ai cittadini stranieri in transito sul territorio provinciale. Un modo innovativo e molto agile per arrivare direttamente a loro, a chi ha bisogno di trovare un punto di riferimento anche in determinati momenti della giornata o della permanenza sul territorio. Ma venendo al compito più specifico che investe l’Università di Foggia, i corsi organizzati dal Centro Linguistico di Ateneo hanno lo scopo di abbreviare ogni distanza, di preparare al meglio questi stranieri – che il più delle volte sono giovani di et compresa tra i 20 e i 35 anni – e di fornire loro una base socio-culturale per potersi orientare meglio in un sistema di vita molto diverso da quello di origine. Ecco, nel dettaglio, i corsi offerti gratuitamente dal C.L.A.: 2 corsi in Inglese per operatori della durata di 40 ore / Obiettivo: Il migrante dev’essere sostenuto nella fase di interazione con gli operatori delle realtà economiche, educative, sanitarie, sociali e giudiziarie; la formazione linguistica degli operatori avrà l’obiettivo di facilitare la comunicazione con gli immigrati, focalizzando le esigenze reali e offrendo approfondimenti sul lessico e la fraseologia del linguaggio sanitario e del mondo del lavoro; 3 corsi in Italiano per immigrati della durata di 36 ore / Obiettivo: La conoscenza della lingua del Paese ospitante è fondamentale condizione per inserirsi nel nuovo tessuto sociale; l’apprendimento della lingua Italiana, da parte degli immigrati, costituisce uno snodo fondamentale nel processo d'integrazione: conoscere la lingua Italiana permette agli immigrati di comunicare, di comprendere e di essere compresi; 1 corso in Educazione linguistica in ottica plurilingue rivolto agli operatori / Obiettivo: Un corso di formazione della durata di 30 ore sulle “Metodologie di orientamento per l’inclusione”, rivolto agli operatori dei vari enti che sul territorio lavorano con e per gli immigrati; prevista un’ulteriore edizione del corso per l’anno prossimo. Inoltre, agli allievi del corso, tra le metodologie orientative per l’inclusione, si è scelta come metodologia privilegiata quella del “Bilancio delle competenze”.

Per i corsi di italiano ci sono ancora posti disponibili, e a tal proposito l’Università di Foggia ricorda che, oltre ad essere somministrati da personale scientificamente qualificato, sono assolutamente gratuiti. Per tutte le informazioni necessarie per potersi iscrivere, e per i requisiti indispensabili per potervi accedere – ad esempio, per i tre corsi in Italiano riservati agli immigrati, è indispensabile essere in possesso del permesso di soggiorno – si consiglia di rivolgersi direttamente al Centro Linguistico di Ateneo (https://www.cla.unifg.it).

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento