"Negozi chiusi tutte le domeniche", sindacati rilanciano dopo l'ordinanza della Regione: lo stop del 25 aprile e 1° maggio non basta

Cgil Puglia: "Si tratta di una battaglia volta unicamente a tutelare la salute e il diritto al riposo dei lavoratori e delle lavoratrici. Il rischio di contagio è ancora molto alto"

Immagine di repertorio

Bene l'ordinanza regionale che ha disposto la chiusura delle attività commerciali nei giorni del 25-26 aprile e 1° maggio, ma per la Cgil è necessario fare di più. Così, dopo la decisione annunciata dalla Regione, il sindacato rilancia tornando a ribadire la richiesta di prevedere la chiusura dei negozi per tutte le domeniche.

"L’emergenza non è terminata, siamo ancora nella fase 1 e di Coronavirus si continua ad ammalarsi e a morire", ribadisce in una nota Barbara Neglia, segretaria generale Filcams Cgil Puglia, preoccupata per lo stato di salute dei lavoratori del commercio particolarmente esposti al rischio contagio da Covid 19.

"Siamo soddisfatti - le fa eco Pino Gesmundo, segretario generale Cgil Puglia  - per il provvedimento con il quale il Governatore Emiliano, con riferimento all’intero territorio regionale, ha disposto la chiusura al pubblico, nelle giornate di sabato 25 aprile (Festa della Liberazione), domenica 26 aprile e venerdì 1° maggio (Giornata mondiale dei lavoratori), delle attività commerciali al dettaglio di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta di una battaglia volta unicamente a tutelare la salute e il diritto al riposo dei lavoratori e delle lavoratrici. Il rischio di contagio è ancora molto alto. Pertanto Cgil Puglia e Filcams mettono in atto tutte le azioni che servono per ridurre al minimo i rischi per gli operatori, per le loro famiglie e per l'intera comunità pugliese, convinti che le chiusure domenicali e festive possano essere fondamentali per far garantire il rispetto delle regole e del distanziamento sociale anche a coloro che meno sono sensibili alle norme vigenti. Le chiusure del 25 aprile - 26 aprile e 1 maggio non bastano. Tutte le domeniche le attività commerciali devono restare chiuse, soprattutto in questa fase così complessa e delicata dove si rischia la vita", concludono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: rinvenuto cadavere di un uomo

  • Francesco è "grave ma stabile", altre ferite compatibili con un'arma da taglio: è caccia agli autori della violenta rapina

  • Regionali Puglia 20 - 21 settembre: come si vota

  • Ultima ora: violenta rapina in un bar di Foggia

  • Referendum costituzionale 20 - 21 settembre: cosa e come si vota

  • È morto Rocco Augelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento