Strutture alberghiere destinate all’emergenza Covid-19, c’è l’accordo: 30 euro al giorno per ogni camera

Prevenzione dei rischi e distanziamento sociale. Le strutture individuate assicureranno l’isolamento richiesto, oltre a rendere disponibile una figura di coordinatore di tutte le attività svolte, garantire il servizio di manutenzione ordinaria delle stanze e di reception/vigilanza h 24

Immagine di repertorio

Strutture alberghiere  destinate ai fabbisogni per l’emergenza Covid-19, c’è l’accordo. Regione Puglia e Protezione civile hanno promosso e realizzato un accordo con le associazioni di categoria del turismo per destinare alcune strutture alberghiere ai fabbisogni per l’emergenza Covid-19.

Con un percorso di consultazione in tempi strettissimi si è arrivati oggi alla firma di un accordo quadro che consente alla protezione civile di avere la disponibilità di strutture alberghiere in Puglia per accogliere persone che, sulla base delle valutazioni ed indicazioni della Asl, non possano stare in isolamento presso la propria abitazione. Si tratta sostanzialmente di  due tipologie di persone, secondo i fabbisogni dichiarati dalla protezione civile: personale medico e paramedico che ne farà richiesta perché desidera soggiornare al di fuori della propria famiglia per evitare possibili contagi, e cittadini che  sono stati in contatto con contagiati e vogliono effettuare la quarantena al di fuori del nucleo familiare.

La Puglia al lavoro per limitare il rischio contagio: gli operatori sanitari ospiti delle strutture alberghiere vuote 

Le strutture individuate  dalle associazioni di categoria devono assicurare l’isolamento richiesto ai pazienti post-ospedalizzati, dimessi dall’ospedale in condizioni stabili con esito tampone negativo, nonché ai pazienti in assenza di tampone nei quali è stata indicata la necessità di un periodo di isolamento. Per questa categoria di persone la protezione civile ha già fatto una prima valutazione sui numeri: sarebbero circa 1.500 persone.

“Nell’ambito delle prerogative  per l’emergenza Covid-19 è stata predisposta questa convenzione con le associazioni degli albergatori  che rientra nelle azioni   per l’assistenza alla popolazione  e costituisce un utile dispositivo per il contrasto alla pandemia e la riduzione delle possibilità di contagio”, ha affermato il  vicepresidente Antonio Nunziante che ha mostrato soddisfazione per la disponibilità e la collaborazione mostrata dagli albergatori pugliesi. L’assessore Loredana Capone: “Abbiamo condiviso con le associazioni di categoria del settore turistico alberghiero maggiormente rappresentative, obiettivi e strategie inerenti l’emergenza epidemiologica in corso, per individuare le strutture alberghiere adeguate a garantire idonee modalità di isolamento domiciliare e/o fiduciario. Ringrazio la Protezione civile per il grande lavoro che sta facendo in Puglia e le associazioni di categoria del turismo per la disponibilità e la collaborazione dimostrata.”

L’accordo firmato  da  Francesco Caizzi per  Federalberghi di Confcommercio, dal presidente Domenico Di Bartolomeo per Confindustria, e da Francesco De Carlo per  Assohotel di Confesercenti, è finalizzato alla individuazione  delle strutture alberghiere presenti sul territorio della Regione Puglia, per garantire ospitalità alle persone in isolamento fiduciario al di fuori della propria residenza o domicilio. Le strutture individuate assicureranno l’isolamento richiesto, oltre a rendere disponibile una figura di coordinatore di tutte le attività che saranno svolte, garantire il servizio di manutenzione ordinaria delle stanze e di reception/vigilanza h 24, 7 giorni su 7, secondo modalità operative che saranno indicate nella lettera di conferma dell’attivazione del servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La struttura ricettiva dovrà consentire l’accesso alla struttura/alle camere esclusivamente ai fornitori che saranno comunicati per l’effettuazione dei servizi non a carico della struttura ricettiva (lavanolo, pulizia e disinfezione, mensa), ed al personale sanitario per l’effettuazione della sorveglianza sanitaria. Non è consentito l’accesso a soggetti diversi da quelli che saranno autorizzati dal personale sanitario della Asl o dalla protezione civile della Regione Puglia. La protezione civile della Regione Puglia si impegna ad acquisire la totalità delle camere disponibili nella struttura, riconoscendo per ogni camera messa a disposizione (vuota o piena) l’importo di 30,00 euro al giorno + iva qualora dovuta. La sanificazione di tutte le stanze  è a cura e spese della protezione civile della Regione Puglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Maxi contagio da festa in famiglia. L'Asl Foggia: "Si tratta di circa la metà dei nuovi contagi in Capitanata"

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • 25 infermieri contagiati, "un vero e proprio bollettino di guerra". L'ultimo caso registrato a Foggia due giorni fa

  • Uomo sparisce nel nulla: di lui non si hanno più notizie da venerdì, era andato da Peschici a Termoli con un amico

  • Aumentano i contagi a Foggia: vietato bere all'aperto e mascherine obbligatorie tutti i giorni (anche in zona Stazione)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento