Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia Manfredonia

Commissariata la S.M.A.R.. di Manfredonia, Riccardi all'oscuro: "Presto una verifica"

Il primo cittadino: "E' sconcertante che la Regione Puglia abbia assunto un atto di tale rilevanza senza che il sindaco fosse stato preventivamente informato"

“Sconcertante che non sia stato informato preventivamente dalla Regione. Vorrei comprendere chi e cosa abbiano determinato il commissariamento della S.M.A.R - Azienda Pubblica dei Servizi alla Persona -  e assumere tutte le iniziative che il caso dovesse richiedere”. E’ incredulo, Angelo Riccardi. Il sindaco di Manfredonia ha appreso che in data 28 maggio, su relazione del dirigente del servizio, Antonella Bisceglia, la Regione Puglia ha proceduto al commissariamento dell’Azienda Pubblica dei Servizi alla Persona “S.M.A.R.” con sede in Manfredonia (ex casa di riposo “Anna Rizzi”).

Il Presidente del Consiglio di amministrazione, Paolo Balzamo, unitamente all’intero Consiglio sono stati “sciolti”. Nulla è detto in relazione alla sorte del Collegio dei Revisori dei Conti. “E’ sconcertante che la Regione Puglia abbia assunto un atto di tale rilevanza senza che il sindaco di Manfredonia fosse stato preventivamente informato del provvedimento e delle ragioni che lo legittimerebbero”, si legge nella nota stampa.

“Ciò anche in considerazione del proficuo rapporto di collaborazione instaurato tra gli amministratori dell’ex IPAB e l’Amministrazione Comunale. Ritengo che un atto del genere sia grave e assolutamente irricevibile dal Comune di Manfredonia per ragioni di ordine giuridico ma anche sociali e politiche. "Sarà mia cura già da oggi - continua Riccardi - stabilire un’interlocuzione con il Presidente della Giunta Regionale per comprendere chi e cosa abbiano determinato il commissariamento dell’ente e in conseguenza assumere tutte le iniziative giudiziarie, istituzionali o di altra natura che il caso dovesse richiedere”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commissariata la S.M.A.R.. di Manfredonia, Riccardi all'oscuro: "Presto una verifica"

FoggiaToday è in caricamento