Commercio al sud: la risposta è online, con gli e-commerce

Vendere on-line rappresenta il futuro e gli e-commerce sono la risposta. Ecco come scegliere, gestire e accrescere un sito di vendita sul web

Affrontando il delicato tema del commercio nel sud Italia, vengono subito alla mente una serie di situazioni burocratiche e spinose che concernono l'apertura del negozio stesso, i costi di gestione e del personale, fino ad arrivare ai classici canali della pubblicità e alla distribuzione capillare del prodotto. L'apertura di nuove attività locali, site in luoghi fisici, è sempre più difficile e tra tasse e burocrazia le spese e i tempi di apertura sono enormi. In una terra che ha bisogno di lavoro, di commercio, di circolazione di denaro, la risposta a tutto ciò è rappresentata dagli e-commerce.

Vendere on-line è il presente e sarà sempre più il futuro: un'attenta analisi di mercato aiuterà a stabilire quale sia il settore migliore di vendita all'interno dell'area dove si intende andare a operare. Il sistema di vendita e-commerce riesce a coniugare la convenienza per il cliente sui prezzi finali dei prodotti, con l'abbattimento dei costi di gestione e del personale per il titolare, fino alle stesse praticità e reperibilità della merce, aspetto oramai di fondamentale e di cruciale importanza nelle vendite, in quanto da anni vige la regola dei tempi di consegna ridotti.

Un e-commerce al sud

Un e-commerce è una piattaforma on-line per vendere prodotti. La merce messa in vendita può riguardare una singola area merceologica o spaziare attraverso più e più settori di mercato e di vendita.  

In un territorio così delicato come quello del sud Italia, l'apertura di un e-commerce risulta essere la scelta migliore per poter trarre ottimi profitti, donando inoltre alla comunità un servizio apprezzato e che guardi anche al futuro: questa soluzione di vendita risulta in prospettiva una fonte di guadagno impressionante (già ora il giro d'affari è davvero importante) e un metodo che presto diverrà di fondamentale importanza e di vasta portata e sviluppo anche e soprattutto in territori come il sud Italia.
La possibilità di essere aperti sempre, 24 ore su 24, rappresenta senza dubbio un vantaggio enorme alla vista del cliente, facendo sì che il negozio on-line sia praticamente raggiungibile e fruibile ad ogni ora, raggiungibile da tutti, semplicemente avendo una connessione internet attiva.

Ma quali sono i costi dell'apertura di un e-commerce? Quale strategia migliore per mantenerlo e quali benefici porta con sè?

I costi di gestione di un e-commerce

Come già accennato, i costi di gestione di un e-commerce sono nettamente più bassi rispetto a un negozio fisico. Innanzitutto, vi sarà la possibilità di risparmiare su tutte le utenze classiche che altrimenti si andrebbero a pagare con un negozio normale, come luce, acqua e lo stesso spazio fisico del negozio, quindi un affitto. Tutti questi aspetti non saranno più da considerarsi da pagare e questo provoca un risparmio importantissimo per chi voglia investire in e-commerce nel sud.

I costi non sono certamente nulli, in quanto si dovranno pagare le piattaforme dove si andrà a sviluppare il sito e-commerce, nonché il pagamento di figure professionali che si prenderanno cura della parte grafica del sito e-commerce, ma in definitiva vi è un notevole abbattimento dei costi facendo un rapido paragone con un negozio classico.

Mantenere e accrescere un e-commerce tramite la link building

Il miglior modo per poter mantenere una piattaforma e-commerce è rappresentato dalla link building. Per link building si intende la costruzione di una rete di collegamenti (link) tra un sito e l'altro. La possibilità di avere un link su una pagina di una certa importanza, in questo caso un contenuto del proprio sito e-commerce, viene vista di buon occhio in quanto rende autorevole e di qualità il proprio marchio, ponendo il cliente in una condizione di maggiore fiducia verso l'acquisto. Questo strumento è alla base della più ampia strategia SEO. Inoltre, ricevere tanti click sul proprio link, il cosiddetto backlink, farà in modo di pubblicizzare il marchio e di farsi notare anche nei confronti di altre pagine e brand, avviandosi in tal modo a delle future collaborazioni.

Grazie a questo metodo sarà possibile essere linkati e far linkare nel proprio sito altri brand, instaurando delle vere e proprie partnership. Ecco perché risulta di fondamentale importanza avviare un'attenta strategia di link building sin dall'apertura dell'e-commerce, facendo un'oculata campagna di link building e mirando verso quelle aziende che potranno portare a un risvolto di successo e notorietà all'interno del web, elemento di fondamentale importanza per poter farsi conoscere.

Studi di mercato confermano che questo sistema possa giocare un ruolo decisivo in quanto la possibilità di farsi pubblicità e crearsi notorietà dal più vasto pubblico possibile, rende più famosa e appetibile l'attività: più click si riceveranno tramite il link, più si risulterà in alto nel posizionamento dei motori di ricerca, come Google. Questo aspetto risulta vitale, in quanto Google è il motore di ricerca più usato sia in Italia che nel mondo. Sfruttare questa incredibile opportunità di link building verso il mercato on-line del sud risulta oltre che un’innovazione, anche un sistema di profitto incredibile e di sicuro successo.

Quale tipologia di e-commerce per il sud Italia?

Per la scelta dell'e-commerce ci si dovrà affidare ad attente analisi di mercato, atte a stabilire quale sia il miglior settore merceologico di vendita. Pur usando il sistema della link building, ciò richiede molto lavoro preliminare, da svolgersi necessariamente prima dell'apertura dell'e-commerce stesso.
Se per esempio al sud si nota la mancanza di un determinato prodotto o di una determinata categoria di prodotti, avvalendosi dell'aiuto indispensabile della link building e della partnership con altre aziende, si può intervenire offrendo al mercato e alla clientela quella stessa categoria, fermo restando che sia in linea con i costi iniziali che ci si è prefissati e con un calcolo dei possibili guadagni futuri rappresentati dalle vendite.

Oltre a ciò, c'è la possibilità di offrire un servizio più generale, non mirato a un singolo o a singoli reparti di mercato, ma offrire un quadro più ampio dell'area merceologica di vendita, come per esempio creare un e-commerce che spazi su più settori, offrendo in tal maniera la possibilità di acquistare molti più prodotti, cosa che potrà rivelarsi molto utile e proficua se si sarà in grado di essere competitivi in termini di prezzi e celeri nell'aspetto vendita e post vendita. Un esempio concreto è quello di aprire una ferramenta online: un e-commerce del genere vende anche migliaia di piccoli prodotti, ma se il cliente dovrà appendere un quadro, avrà la necessità di acquistare chiodi, martello e magari stucco e cornici. Avere tutto a disposizione in un unico spazio web, fare un unico ordine e un’unica spedizione sarà un notevole risparmio di tempo e denaro per il cliente, ma soprattutto, un notevole vantaggio per chi gestisce l’e-commerce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questi aspetti andranno analizzati e presi in considerazione in sede di pre apertura e la scelta del miglior e-commerce dipenderà molto dalle disponibilità iniziali che si possiede e dalla voglia di offrire un servizio mirato e di qualità ad un territorio dalle grandi potenzialità e che ha necessariamente bisogno di nuovi stimoli e di ripartire, contando sull'aiuto fondamentale di un sistema come la link building, che garantisce pubblicità e visibilità, rendendo il proprio business moderno ed all'avanguardia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento