Domenica, 26 Settembre 2021
Economia

Emiliano sceglie i 45 esperti per le scelte future della Puglia: con Renzo Arbore ci sono la fedelissima Lusi e Pasquale Cataneo

L’incarico ha durata di 5 anni, è attribuito intuitu personae ed è a titolo gratuito. Ruolo di supporto è svolto dall'Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali (IPRES).

Ieri pomeriggio, con l’assemblea plenaria nella Fiera del Levante, si è insediato il 'Collegio degli Esperti' del presidente della Regione Puglia. "Si tratta di una struttura, rinnovata dopo il primo mandato, costituita dal presidente, dal capo di gabinetto e da personalità che hanno maturato esperienza su temi di rilevanza strategica per il buon funzionamento della macchina regionale, profili professionali adeguati a garantire nelle scelte di indirizzo del presidente un supporto specifico, in base alle singole esperienze lavorative"

L’incarico ha durata di 5 anni, è attribuito intuitu personae ed è a titolo gratuito. Ruolo di supporto è svolto dall'Ipres, l'istituto pugliese di ricerche economiche e sociali.

Per la provincia di Foggia ci sono la fedelissima del presidente della Regione Puglia, Patrizia Lusi, il conduttore televisivo e cantante, Renzo Arbore, Mario Morlacco di Lucera, Pasquale Cataneo di Foggia e Gianfranco Gentile di Cagnano Varano.

Gli altri sono Albano Carrisi (Cellino San Marco - BR), Laura Marchetti (Bari), Vito Antonio Leuzzi (Ceglie Messapica - BR), Nicola Zito (Matera), Simonetta Lorusso (Bari), Alessandra Gallotta (Taranto), Luigi Bosco (Giarre - CT), Rosina Basso Lobello (Bari), Giovanni Cea (Bari), Pasquale Zagaria (Andria), Pasquale Patruno (Bari), Giuseppe Aprile (Gioia del Colle - BA), Maria Rosaria Greco (Neviano - LE), Alfredo Mele (Bari), Maria Svelto (Gioia del Colle - BA), Isabella Martucci (Molfetta - BA), Antonio Ricco (Margherita di Savoia - Bat), Giuseppe Corti (Bari), Anna Montefalcone (Bari), Pasquale Deleonardis (Gioia del Colle - BA), John Mustaro (Brooklyn - NY USA), Giuseppe Carulli (Bari), Maria Rosaria Gemma (Bari), Biagio Marzo (Corsano - LE), Savino Cannone (Gravina in Puglia - BA), Vito Labarile (Matera), Massimo Maiorano (Bari), Matteo Malcangi (Corato), Natalia Olivieri (Ramos Mejia - Argentina), Emilio Pistolato (Bari), Vita Surico (Laterza - TA), Giovanni Sardone (Bari), Luca Schiavone (Capurso - BA), Giovanni Tria (Acquaviva - BA), Nicola Tattoli (Terlizzi - BA), Giuseppe Varcaccio (Bosco Tre Case - NA), Filippo Vecchio (Venosa - PZ), Michelangelo Armenise (Bari), Lorenzo Larocca (Albano di Lucania - PZ) e Massimo Zaccaria (Bari).

Nell’ordine del giorno dell’assemblea planaria, oltre l’insediamento del collegio, ci sono state le comunicazioni del presidente Michele Emiliano, gli interventi programmati e la composizione delle commissioni di studio. “Nel ripartire io vorrei provare a fare tutte quelle cose che non siamo riusciti a realizzare nel primo mandato. Prima di tutto sottoporre ad una analisi le linee programmatiche. Attuando anche una sorta di controllo politico rispetto alle intenzioni dell’amministrazione. Per farlo bisogna dividersi il lavoro, ricomponendo o variando i gruppi. Noi siamo protagonisti di ciò che accade in questa regione, molti di voi lo sono o lo sono stati. Sono quasi vent’anni che è partito un progetto politico di rivoluzione della società pugliese che ha portato, senza grandi contraddizioni, alla Puglia di oggi. Abbiamo di fronte tantissime sfide che hanno bisogno di grande inventiva. E il collegio degli esperti rappresenta un osservatorio di grande importanza anche per incidere sulle scelte”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emiliano sceglie i 45 esperti per le scelte future della Puglia: con Renzo Arbore ci sono la fedelissima Lusi e Pasquale Cataneo

FoggiaToday è in caricamento